Cinema-Teatro-Musica

I Radiodervish venerdì 30 maggio in concerto in piazza a Gibellina

Venerdì 30 maggio, alle 21,30, in piazza XV Gennaio, a Gibellina concerto dei Radiodervish, nell’ambito del cartellone del festival “Orestiadi. Nel segno del Contemporaneo”. Sul palcoscenico: Nabil, voce e buzuki; Michele Lobaccaro, chitarra, basso, voce; Alessandro Pipino, tastiere, fisarmonica, voce; Riccardo Laganà, percussioni. Ingresso libero.

Il concerto dei Radiodervish si sviluppa intorno ai nuovi brani dell’ultimo disco della band “Human” (Sony Music). Un percorso tra storie, pensieri ed emozioni ispirate a quest’epoca di crisi e quindi di grande opportunità.

La scelta del titolo “Human” si basa sulla consapevolezza che oggi l’obiettivo è diventare pienamente umani alla ricerca di una dimensione che si è persa nel vortice delle logiche che ignorano l’umano orizzonte del qui ed ora.

I Radiodervish cantano i profondi cambiamenti delle nostre vite sia nella loro prospettiva privata che collettiva. La band, in quartetto, invita al viaggio attraverso uno stile che da intimo e caldo esplode in improvvise cavalcate ritmiche. L’universo sonoro si muove dall’acustico delle chitarre e degli strumenti etnici mediterranei fino agli eleganti inserti meditativi dell’elettronica.

All’artista Valerio Calsolaro sono affidate le proiezioni di videografica che ricamano un affascinante immaginario visivo attorno alle musiche dello spettacolo.

La pluralità delle lingue del canto che spazia dall’italiano all’arabo passando per l’inglese e il francese, costituisce la cifra dei Radiodervish e, insieme all’originale stile melodico e ritmico, proietta questo live nell’ambito della musica d’autore del mediterraneo.

Più di quindici anni di attività, testi declinati in lingue diverse, tante collaborazioni, e numerose partecipazioni a grandi festival in ogni parte del mondo – da Gerusalemme all’esibizione all’Olympia di Parigi. E adesso l’ultimo album ‘Human’, caratterizzato da un’incredibile molteplicità di frammenti che testimoniano l’importanza, nella loro musica, di luoghi e di popoli diversi, una ‘fusione’ ai confini del pop che ci porta proprio al centro del Mediterraneo, un territorio del sapere dove si sviluppa la musica degli italiani e dei nuovi italiani.

Lo spettacolo di ‘Human Live Tour’ è stato realizzato con il contributo del comune diNardò(LE), terra per la quale la band nutre un grande affetto ed amicizia. La produzione e la prima del nuovo concerto sono state fatte nel meraviglioso teatro comunale di Nardò.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.