Primo Piano

I giorni di Festa del 2013. Ecco in che giorni non si lavorerà

Vacanza, foto internet

Quando inizia un nuovo anno si pensa già alle feste successive e a tutti i possibili ponti concessi dalla combinazione delle date e dai propri datori di lavoro, cosi da poter organizzare un bel viaggio o dedicarsi completamente al proprio relax. Per pianificare le festività del 2013 si può già dare un occhiata al calendario e capire quando sarà possibile riposarsi un po’.

Intanto quest’anno la Befana, oltre a portarsi via tutte le feste natalizie, non concederà molto riposo perché il 6 gennaio sarà già di per sé domenica. Il periodo di Carnevale riguarderà solo le scuole, tuttavia calendarizzato solamente in alcune regioni d’Italia: Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto, Val d’Aosta, Piemonte e Trentino-Alto Adige.
Il giorno di Pasqua sarà il 31 marzo e Pasquetta, o Lunedì dell’Angelo, il 1°Aprile. Anche qui saranno le differenti regioni della nostra penisola a decidere i giorni di chiusura delle scuole.

La festa della Liberazione del 25 aprile sarà di giovedì e quindi chi potrà fare un bel ponte sino al 28 aprile avrà quattro giorni di salutare vacanza. Mercoledì 1°Maggio sarà la Festa dei Lavoratori e sperando nel tempo propizio si può già optare per una scampagnata all’aria aperta. La Festa della Repubblica il 2 giugno cadrà di domenica, quindi tutti a casa a prescindere da tutto.

Chiusa la Primavera, si passa direttamente al caldo del 15 agosto per la festa Ferragosto, di giovedì potremo andare tutti al mare per un bel bagno. Passando all’autunno la festa di Ognissanti di venerdì 1°novembre potrà dare l’opportunità di un mini ponte, invece l’Immacolata Concezione dell’8 dicembre sarà di domenica. Mercoledì 25 dicembre e giovedì 26 saranno rispettivamente i giorni di Natale e Santo Stefano e si sa bene che il clima natalizio chiama vacanza. Si chiude il 2013 con il mega cenone di Capodanno martedì 31 dicembre.

Questo è il panorama festivo del nuovo anno appena entrato. Molti lavoreranno comunque anche durante alcune di queste feste. Infatti il Decreto Salva-Italia ha inciso molto in merito alla liberalizzazione di aperture di aziende e negozi, soprattutto in merito ai grandi centri commerciali che sono aperti al servizio quasi sempre, dando opportunità all’economia nazionale di avere qualche punto in più a suo favore ma togliendo riposo ai lavoratori e privando loro di godere della famiglia.
Il lavoro nobilita l’uomo, ma ogni tanto rilassarsi sul proprio divano di casa o magari in una sontuosa camera d’albergo ci vuole. Buon 2013 a tutti!

Alessandro Quartararo

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.