Primo Piano

“I cani vanno abbattuti”, il web contro il direttore di Messina Oggi

Cane randagio (foto di Harvest Breeding: http://www.flickr.com/photos/giusibarbiani/)

Al bando gli animalisti. I cani vanno abbattuti“. Sta destando molto scalpore l’articolo pubblicato dal direttore Davide Gambale nel suo quotidiano online “Messina Oggi“, dove ha denunciato decisamente sopra le righe la presenza dei randagi in città, incitando alla loro soppressione. Non sono mancati i commenti di lettori e cronisti, ma soprattutto del Partito Animalista Europeo, che ha subito denunciato l’accaduto, presentando querela alla Procura della Repubblica di Messina.

Resto sorpreso nel vedere tanta insensibilità, ignoranza, incapacità e scarsa professionalità ad opera di un giornalista che non solo non conosce la legge, ma istiga addirittura i cittadino ad infrangerla”, ha dichiarato Enrico Rizzi, in qualità di coordinatore nazionale del Pae. Le affermazioni ingiuriose del cronista messinese sono state sottoposte al vaglio del presidente dell’Ordine del giornalisti, Enzo Iacopino.

Numerosi i lettori che sono insorti contro la testata messinese: “Non ci sono parole. Che ci sia ancora tanta inciviltà da far ipotizzare una scelta come questa invece della lotta al randagismo che dovrebbe essere attuata per legge in ogni paese civile. Ma probabilmente qui non si tratta di persone civili”, ha affermato Monica Polonelli nella lettera indirizzata alla testata online “Stretto web”.

Ricordiamo, a proposito di questa amara faccenda, la legge 189/2004 che punisce con la reclusione fino a due anni chiunque cagiona senza alcuna necessità la morte ad un animale: sì al diritto di esprimersi liberamente ma bisogna evitare assolutamente questi anatemi assurdi e pericolosi.

Federica Raccuglia

Tags
Moltra altro

Federica Raccuglia

Ho 22 anni, sono fieramente palermitana, attualmente in terra romana. Sono laureata in "Giornalismo per uffici stampa" e attualmente frequento il corso magistrale in "Editoria e comunicazione" presso Tor Vergata (Roma). Collaboro dal 2010 con quotidiani sia online che cartacei, tra cui il Giornale di Sicilia e Il Moderatore.it. Sogno di diventare una giornalista.

Articoli Correlati

16 commenti

  1. Caro Gambale, hai perso l’occasione per stare zitto. Andrebbero abbattuti i porci come te. schifoso grassone che non sei altro.

  2. @gabriella : Non penso che sia un’affermazione, quella del signor Gambale, che abbia molto a che fare con l’essere siciliano. Ti assicuro che anche io durante la mia infanzia avevo una paura matta dei cani, ma ora li amo e cerco di tranquillizzare anche i più spaventati. E non penso che lui non conosca le leggi, probabilmente era un pensiero che andava al di là del fatto in sè. Lui conosceva benissimo i rischi di certe affermazioni pubblicate in un giornale..

  3. io capisco la paura che deve avere avuto il giornalista nel trovarsi accerchiato da un branco di cani randagi affamati e di conseguenza aggressivi, ma non si è posto la domanda come mai ? anzichè prendersela con l’amministrazione comunale che niente ha fatto e niente fa per risolvere questo problema la cosa più semplice per lui è quella di uccidere queste povere bestie colpevoli solo di essere nate randagie, anzichè istigare le persone ad uccidere i cani dovrebbe (se fosse un bravo giornalista) combattere affinchè il Comune di Messina si dia una smossa per risolvere questo grave problema che coinvolge tutti, è anche vero però in questa regione le cose non so come mai ma sono sempre molto complicate

  4. è vergognoso che un giornalista pubblichi queste nefandezze!!!!
    spero che si ricreda e si scusi pubblicamente,ma purtroppo non lo credo!!!ignorante,insensibile e pericoloso!!!

  5. io adoro i siciliani ma…..in questi ultimi tempi mi stanno deludendo un po’ come si fa a diri ,che bisogna abbatere i randagi scusate allora ogni mondo è paese…siamo tutti delle bestie esseri umani….poi io sono napoletana è amo la mia citta’ ma anche loro deludono un po’ percio’ dico ogni mondo è paese…percui dobbiamo solo vergognarci…per definizione di esseri umani….ma vaffanculo direttore….non conosci le leggi …

  6. il giornalista non conosce la legge e così come la sensibilità.

    spero che conosca la parola vergogna.

    auspico che il direttore del suo giornale prenda seri provvedimenti.

  7. il problema del randagismo andrebbe affrontato con campagne di sterilizzazione serie .. il giornalista ha merito una denuncia per istigazione alla violenza del partito animalista europeo, ma il sentire comune lo ha già condannato per ignoranza e inciviltà.

  8. considero vergognoso che in un paese civile ci siano persone che istighino alla violenza sui più deboli. il giornalista andrebbe allontanato dall’albo per dichiarazioni indegne e illegali e come persona dovrebbe seguire dei corsi di sensibilizzazione. probabilmente per risolvere il problema degli sbarchi dei clandestini la prossima volta non esiterà a proporre la fucilazione. provo sincera pena e vergogna per questo giornalista.

  9. caro sindaco perchè non dici ai tuoi concittadini che per il ponte arriveranno a messina centinaia di milioni di euri e tu sindaco non sei capace di farti dare nemmeno 10 euro per mettere a posto la città, sì perchè a fronte delle milionate di euro che arriveranno nella zona di Messina tu, INCAPACE, non riesci a farti dare neanche 10 euro per la città che ha ancora quartieri bombardati dalla guerra, e anche un sacco di gente povera.
    Guarda sindacuzzo che non sono i cani randagi ad abbruttire la città, ma i cafoni, i maleducati come te e la sporcizia che regna sovrana e che produce scarafaggi e topi a migliaia, comunque dev’essere il caldo eccessivo a farti sparare cavolate, ma purtroppo per te non hai neanche una sanità decente che ti possa curare, non ti permettere di farti curare la pazzia al nord, sei siculo e te ne devi vantare, AMMAZZANDO I CANI ED ANDANDO NEI TUOI OSPEDALI, visto quanto guadagnano i tuoi consiglieri comunali, e visto la violenza dei siciliani, io se fossi in te avrei paura dei disoccupati della tua città, se si arrabbiano, io conosco i siculi, se si arrabbiano diventano violenti, visto che la tua bella regione vi ofrre pure una polizza contro le aggressioni della vostra popolazione, si della vostra popolazione, vuol dire che siete belli violenti. Sei fortunato, ma se c’è un tuo concittadino con un pò di cervello , non so come va a finire.
    Prima di dire certe cavolate ABOLIAM;O I VOSTRI PRIVILEGI che fanno schifo come la “pasta squardat” come dite voi.

    1. Caro Alberto, credo che da quello che hai confusamente scritto tu non abbia capito niente. Ti rivolgi al sindaco come se avesse scritto lui l’articolo, ti do qualche notizia: 1) l’articolo incriminato lo ha scritto un giornalista o pseudo tale – 2) Il ponte non si fa più, e comunque i soldi sarebbero stati erogati da privati e non dallo Stato e a proposito si chiamano EURO e non EURI – 3) Quartieri bombardati dalla guerra io non è ho mai visti e gente povera non si trova solo a Messina ma data la crisi si trova dappertutto – 4) Sinceramente sul punto sanità non saprei che dirti perché non ho capito niente di quello che volevi dire – 5) Dici che i “siculi” sono violenti, ma esistono anche i violenti verbali e tu ne sei un bell’esempio – 6) Si dice: Pasta squaddata…proprio come te!!!

  10. Invece di parlare di abbattimento (puro reato…)….provate ad iniziare la sterilizzazuione…ma tutto cio’ che altrove è facile…in Sicilia tutto diventa difficile….abbandonate la vostra indolenza…sbracciarsi e lavorare….

  11. Forse, il Direttore Davide Gambale è andato un pò sopra le righe, ma sono certo che con i suoi articoli, egli abbia voluto solamente sensibilizzare, provocando una certa reazione, l’opinione pubblica e, di conseguenza, anche tutte le associazioni animaliste, su un problema che sta diventando sempre più serio. E’, di fatto, assurdo, oltre che illiberale e antidemocratico, pensare di poter rischiare la propria incolumità fisica, solo perché le Istituzioni non compiono a fondo il loro dovere!

  12. quelli che vanno abbattute sono le bestie a 2gambe come il sig gambale,ignorante,insensibile,e senza un cuore e un’anima,proprio come una bestia appunto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.