Esteri

Gruppo cristiano inglese vieta la parola alle donne: “Stiano zitte”

Divieto di parola, foto internet

“Così è scritto nella Bibbia”. Con queste semplici parole la Bristol University Christian Union, un gruppo religioso dell’università di Bristol in Inghilterra, ha motivato la decisione di impedire alle donne di prendere parola durante i propri incontri.

Come riportato dal tabloid The Tab Bristol, la decisione è maturata dopo “una lunga riflessione sull’argomento, cercando la saggezza di Dio e discutendone insieme”, secondo le parole della direzione del gruppo.
In realtà il divieto non è assoluto. Hanno diritto di parola le donne sposate e accompagnate dal marito. Niente da fare invece per le nubili, costrette ad ascoltare in silenzio. Eppure non mancano le donne che all’interno del gruppo approvano la decisione che secondo il comitato della Christian Union si tratterebbe di “un compromesso di ciò in cui credono”.

Non si sono fatte attendere le polemiche, anche da personalità di fede cristiana, sulla decisione di bandire le donne dai discorsi del gruppo. Le accuse di sessismo, di atti offensivi e discriminatori hanno acceso gli animi del più grande gruppo di femministe con sede proprio a Bristol e di gran parte dell’opinione pubblica britannica.

Il tema del ruolo della donna all’interno delle confessioni religiose dunque si riaccende, specialmente nel Regno Unito dove recentemente è stata rigettata la proposta di ordinazione delle donne a vescovo. Nella patria della regina Elisabetta, le donne da circa vent’anni possono essere ordinate come sacerdotesse all’interno della Chiesa anglicana di cui proprio la monarca ne è capo.

Negli ultimi tempi, dopo aperture iniziali nei confronti delle donne, sembra esserci stata una regressione nei confronti della presenza femminile all’interno delle gerarchie religiose. Fino ai casi estremi come quello della Christian Union. Il pericolo, per dirlo con le parole dell’associazione femminista di Bristol, è quello di trovarsi nel “puro Medioevo nell’anno del Signore 2012”.

Marco Cirincione

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close