Economia & LavoroPrimo Piano

Governo Renzi: Giorgia Meloni interviene a sostegno dei lavoratori Almaviva

Foto internet
Foto internet

FdI-AN sostiene la protesta dei lavoratori Almaviva. Giorgia Meloni chiede al governo Renzi di salvaguardare i livelli occupazionali.

 Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale continua a impegnarsi nel sostegno della vertenza dei lavoratori Almaviva.Una delegazione del movimento, con il portavoce provinciale Raoul Russo, mercoledì 17 parteciperà alla manifestazione unitaria promossa dai sindacati, rilanciando la richiesta alle istituzioni locali e nazionali, di occuparsi realmente e concretamente di questa vertenza, che rischia di dare un colpo mortale alla già asfittica realtà occupazionale palermitana.

Il presidente nazionale del movimento, Giorgia Meloni, ha presentato nei giorni scorsi una interrogazione sul tema visto l’aggravarsi della situazione, nonostante   le rassicurazioni di attenzione del governo sulla vicenda,ottenute in risposta ad un precedente atto ispettivo.

La Meloni ha chiesto a Renzi  di  occuparsi con  maggiore incisività della tutela dei livelli occupazionali di Almaviva Contact, riconvocando urgentemente un tavolo di crisi presso il Ministero dello sviluppo economico.


Nello stesso atto ispettivo si chiede  in che modo, intenda intervenire il governo per garantire che nell’ aggiudicare le gare d’appalto, pubbliche e private, si rispetti un prezzo di base, ovvero, quello stabilito nei minimi tabellari nei rinnovi contrattuali nazionali di categoria, puntando più sull’ innovazione, competenze tecniche certificate e qualità del servizio, in un ottica della tutela dei diritti dei lavoratori e di garanzia di servizi di qualità per i consumatori.

Il presidente di Fdi-AN ha inoltre denunciato come ad  aggravare ulteriormente la  realtà aziendale di Almaviva Contact, sia stata  la perdita della gara Poste Italiane, attribuita ad un’altra azienda con un ribasso molto vicino al 30%, rispetto al prezzo di mercato  che difficilmente potrà ripagare il costo del lavoro. Ci ritroviamo di fronte all’ennesimo scandalo di una gara al massimo ribasso, dove a farne le spese sono i lavoratori. E che questo accada in una realtà aziendale pubblica come Poste Italiane, è a dir poco scandaloso

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.