Primo Piano

Gli italiani e le nuove famiglie: niente alimenti agli ex che convivono

Divorzio

Secondo la sentenza n. 394 emessa dalla Corte d’appello di Bologna, avere una nuova famiglia di fatto annulla, per l’ex-coniuge, l’obbligo di corrispondere gli alimenti, perché il nuovo legame, cioè la famiglia di fatto, altera o rescinde la relazione con il tenore e il modello di vita caratterizzante la pregressa convivenza matrimoniale.

La coppia bolognese, senza figli, si era separata una decina di anni fa, e all’ ex marito spettava versarle una somma mensile per gli alimenti. Quando però si è giunti alla causa di divorzio, l’ex marito ha richiesto che non venisse più corrisposto il mantenimento all’ex moglie, in quanto quest’ultima aveva una relazione stabile da tempo con un uomo, con il quale nel frattempo era andata a convivere. Il Tribunale aveva dato ragione all’ex marito; così la donna aveva deciso di fare appello.

La Corte d’Appello ha confermato la sentenza emessa dal Tribunale, assolvendo il marito dal compito di mantenere l’ex moglie. ‘’Il nodo fondamentale della controversia – si legge nella sentenza – dalla cui soluzione dipende l’immediato esito o lo sviluppo del giudizio, e’ quello della compatibilità del diritto all’assegno divorzile con la instaurazione di una convivenza more uxorio da parte del potenziale avente diritto. Che nella fattispecie concreta tale convivenza esista e’ ormai pacificamente acquisito’’.

Al di là del fatto in sé, si tratta comunque di una nuova conquista: il riconoscimento che la famiglia di fatto è a tutti gli effetti equiparabile al matrimonio. Stessa sentenza anche a Livorno, dove una donna, convivente dal 2004 con un uomo, con il quale ha addirittura contratto un mutuo di 750 euro al mese, si è vista mancare l’assegno divorzile dall’ ex- marito, per la suddetta motivazione.

Ma in tempo di crisi, si sa… ognuno tende a risparmiare portando acqua al suo mulino. Perfino l’ex premier Silvio Berlisconi. La sua ex moglie, Veronica Lario, è infatti ricorsa in appello contro Il Berlusca. L’ex moglie del Cavaliere si è costituita nella causa di separazione in vista dell’udienza davanti ai giudici d’appello di Milano nella quale si discuterà l’istanza presentata dall’ex marito per sospendere d’urgenza l’assegno di mantenimento da 36 milioni l’anno, stabilita lo scorso dicembre.

In effetti, cosa sono 100.000 euro al giorno, considerando le mille incombenze che una povera donna miliardaria quotidianamente deve subire? E adesso chi salderà il conto del parrucchiere e dell’estetista, chi quello dell’autista privato e del chirurgo plastico?

D’altronde, una borsetta di Louis Vuitton al giorno leva il medico di torno, e Veronica lo sa bene.

Clara da Boit

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.