Cronaca

Giustifica femminicidio, prete lascia abito talare

Don Piero Corsi, foto internet

Don Piero Corsi lascia l’abito talare dopo la polemica per un suo scritto in cui ha giustificato il femminicidio. “Dopo una notte insonne per il dolore e il rimorso per la giusta polemica causata dalla mia ‘imprudente provocazione’ comunico che ho deciso di mettere da parte l’abito talare, del quale mi sento indegno”, dice don Corsi.

Spero – dice – che la riflessione e la penitenza mi consentano un giorno di riconquistare quella serenità che ho oggi innegabilmente smarrito“. “Rinnovo ancora più sentitamente le scuse non solo a tutte le donne colpite dal mio scritto ma anche a tutti coloro che si siano sentiti offesi dal mio operato o dalle mie parole, in primis il giornalista verso il quale, in un momento d’ira, ho proferito quella ignobile parola”.

Nei giorni scorsi il parroco aveva scatenato un putiferio affiggendo una rilettura ‘sui generis’ della lettera pastorale ‘Mulieres dignitatem’ di vent’anni fa alla bacheca della sua parrocchia. “Le donne e il femminicidio. Facciano sana autocritica, quante volte provocano?”, è il titolo inequivocabile del fogliettone appeso nella bacheca della chiesa e improvvisamente rimosso su ‘ordine’ del vescovo della Spezia mons. Ernesto Palletti che lo ha convocato domani mattina per un chiarimento.

Una bufera che alla fine spinge don Corsi a chiedere “pubbliche scuse”: “Voglio scusarmi con tutti – dice – per quella che voleva essere soltanto una imprudente ‘provocazione’. In particolare mi voglio scusare con tutte quelle donne che si siano sentite offese in qualche modo dalle mie parole. Affronterò con serenità le decisioni della Curia”.

Fonte Ansa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.