Cronaca

Giuseppe Collura denuncia: “Rischio terremoto in Sicilia”

Dal 2000 al 2014, si sono registrati in Sicilia ben 80 eventi catastrofici. Giuseppe Collura, presidente dei geologi di Sicilia, 50 anni, focalizza l’attenzione sul rischio terremoti.

I geologi siciliani mettono il dito sulla piaga. E oggi hanno voluto incontrare i cittadini di Caltavuturo che più di ogni altro soffrono la frana che ha provocato il cedimento del pilone della autostrada Palermo-Catania, con la conseguente devastazione della rete viaria alternativa.

“Ciò che è successo in Nepal deve farci riflettere su come e quanto facciamo in Sicilia per il rischio sismico. Se quanto accaduto è dovuto allo spostamento dell’India di 5 cm all’anno verso Nord per azione della placca indiana che si immerge sotto quella euroasiatica e sicuramente è un evento di grandi proporzioni, la Sicilia si sposta, sebbene di 0,5 cm all’anno, verso Nord Est mettendo in gioco comunque quantità di energia non proprio indifferenti”. Lo afferma Giuseppe Collura, presidente dei geologi di Sicilia.

“Sebbene allo stato attuale non possiamo prevedere in modo deterministico i terremoti, – ha detto Collura – la storia ci dice dove sono avvenuti e l’energia che hanno sviluppato nel recente passato, aiutandoci a tracciare delle aree di maggiore o minore rischio sismico del nostro Paese. Senza fare inutili allarmismi iniziamo a monitorare il territorio in maniera più capillare di quanto fatto finora, non sottovalutando che l’inizio della costruzione di un edificio parte proprio dal suo terreno di fondazione”.

“Ad oggi – afferma Collura – solo in 58 Comuni siciliani su 282 si sono effettuati gli studi di microzonazione sismica e sono disponibili ingenti risorse già impegnate”.

Cristina Monti

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.