PoliticaPrimo Piano

Garante infanzia, Afap denuncia: “La Sicilia tarda a nominare responsabile regionale”

Nonostante dall’agosto del 2012 sia stata recepita anche nell’Isola la legge sul Garante dei diritti per l’infanzia e l’adolescenza, la Regione Siciliana non ha ancora provveduto a nominare il responsabile regionale di un istituto nato con la convenzione Onu sui diritti del fanciullo siglata a New York nel 1989 e confermata successivamente dai Principi di Parigi nel 1993 e da un’altra convenzione a Strasburgo nel 1996.

La denuncia arriva dall’Afap, l’Associazione famiglie affidatarie di Palermo: “La mancata nomina del garante – spiega il presidente Giuseppe Sortino – lascia una lacuna grave perché questa figura dovrebbe occuparsi del rispetto dei diritti di tutti i minori negli atti dell’amministrazione regionale e delle altre istituzioni comunali dell’Isola. Questo l’Afap si chiede: perché la Regione non è interessata a tale nomina? Eppure quella siciliana è tra le pochissime altre regioni d’Italia a non avere ancora ottemperato alla legge. Così sembra che non interessi a nessuno la nomina di un garante che controlli l’operatore degli addetti ai lavori”.

Tra i compiti del Garante ci sono il sostegno alla famiglia nel riconoscimento del suo valore sociale e formativo, la tutela dei diritti dei minori promuovendo l’educazione e la socializzazione e adoperandosi contro ogni forma di abbandono e di violenza, la formazione dei giovani, il sostegno dell’aggregazione spontanea e organizzata, la prevenzione del disagio e dell’emarginazione, l’effettività del diritto allo studio e alla formazione permanente, la diffusione e la promozione della cultura, l’effettività del diritto al lavoro in particolare nei confronti di quanti sono in cerca di occupazione”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.