Cinema-Teatro-MusicaPrimo Piano

Francesco Attardi dirige l’OSS che esegue musiche di Francesconi, Chopin e Sgambati

Francesco Attardi
Francesco Attardi

Al Politeama Garibaldi, venerdì 22 gennaio alle ore 21 e sabato 23 gennaio alle ore 17,30, l’Orchestra Sinfonica Siciliana, diretta da Francesco Attardi, esegue Passacaglia di Luca Francesconi, il Concerto n.2 per pianoforte e orchestra di Chopin (solista Giuseppe Albanese) e la rara Seconda sinfonia di Sgambati.

Composta nel 1982, come saggio per il diploma di composizione, ma eseguita soltanto due anni dopo ad Amsterdam il primo settembre 1984 in occasione del Gaudeamus International Composers Award, Passacaglia, composta nel 1982 come saggio per il diploma di composizione, è la prima opera del compositore milanese Luca Francesconi che, proprio con essa, conseguì la prima grande affermazione a livello internazionale dopo la sua esecuzione il I° settembre 1984  in occasione del Gaudeamus International Composers Award. Pur essendo, quindi, un lavoro giovanile, questa Passacaglia mostra l’alto grado di maturità di stile e di linguaggio raggiunto da Francesconi che qui sperimenta con successo nuove strade compositive.

I caratteri peculiari dello stile Biedermeier si riflettono nel Concerto n. 2 in fa minore op. 21, composto tra il 1829 e l’inizio del 1830 ed eseguito per la prima volta in privato il 3 marzo 1830 e in pubblico a Varsavia il 17 marzo dello stesso anno. Questo Concerto, nonostante sia stato il più amato da Chopin, che lo eseguì con maggiore frequenza rispetto all’altro, nell’Ottocento non godette della stessa fortuna in quanto esso fu ripreso raramente da altri pianisti, tra i quali, però, spicca il nome illustre di Clara Schumann che mostrò di preferirlo negli ultimi anni della sua fulgida e brillante carriera.

La Seconda sinfonia di Sgambati è stata eseguita soltanto due volte durante la vita del compositore in occasione della prima, il 7 marzo 1885, al Palazzo Caffarelli a Roma con un grande successo testimoniato anche da una lettera di Giuseppe Verdi al conte Arrivabene e due anni dopo a Colonia il 27 giugno 1887. Dopo la morte del compositore la sinfonia fu eseguita altre due volte, la prima delle quali nel 1915 sotto la direzione di Bernardino Molinari al teatro Augusteo di Roma in occasione di una solenne commemorazione in onore di Sgambati e il 16 dicembre 1917 sempre all’Augusteo. Da quel momento in poi si persero le tracce della partitura che, ancora oggi smarrita, è stata ricostruita da Francesco Attardi il quale si è basato sulle parti che sono riapparse nel 1995 nella Biblioteca Casanatense di Roma. Meno nota della Prima, la Seconda sinfonia costituisce un’importante pietra miliare per la musica sinfonica italiana.

Ingressi al botteghino da € 10,00 a € 25,00. Riduzioni per junior, senior, enti convenzionati e possessori di carte sconto. Info: 091 6072532 – biglietteria@orchestrasinfonicasiciliana.it

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.