CronacaPrimo Piano

FOSS, l’UDC chiama al riscatto la cambiale. O Bonafede o sarà Battaglia per tutti.

Palermo 13/06/2019

(da Sinalp) L’UDC indice una conferenza stampa dell’ultimo momento per richiamare all’attenzione gli alleati e riscuotere la cambiale, la poltrona della Bonafede.

L’on. Lo Curto, capogruppo dello scudo crociato, alza la voce e chiede le dimissioni del Presidente Stefano Santoro e – continua – ” la smetta di fare melina sul contratto o si dimetta”. Il posto della Bonafede è di volontà politica come quello di Santoro a presidente del CDA, in quota Gianfranco Miccichè.

L’attacco al Presidente  Santoro ha carattere intimidatorio e lancia un segnale chiaro agli alleati che sa di schiaffo/carezza nei confronti di Musumeci e di Miccichè.
Il Capogruppo nel suo discorso continua “…Gli attacchi contro la Bonafede sono gravi. Ma io sono Bonafede come responsabile dell’Udc, e lo è Lorenzo Cesa”

La Lo Curto dedica anche uno spazio alle qualità dell’ex assessore e pupilla di Crocetta  e rilancia una sorta di breve presentazione sul buono operato della Bonafede nella qualità di ex sovrintendente e salvatrice della Fondazione, nella logica precisa di offuscare tutte le pendenze aperte che la stessa colleziona: il danno erariale per  800mila euro inflitto dalla Corte dei Conti per il progetto Spartacus quando era una felicissima Assessora del Governo Crocetta, o minimizzare sul decreto ingiuntivo posto nei confronti della stessa FOSS che oggi dice di volere ritirare.

Ad ogni modo il segnale lanciato dall’UDC è chiaro:  o Bonafede o sarà battaglia.

Per chi leggerà  di questa strana vicenda o avrà modo di sentire questa conferenza stampa non potrà che rimanere esterrefatto e certamente si porrà una domanda: “Ma è questa la politica che ci governa? Perchè pubblicare una finta manifestazione d’interesse e giocare la carta “meritocrazia” quando il patto era già stilato? Di quale dignità  parla la politica che difende chi è stata condannata per danno erariale? Perchè questa arroganza della politica nell’ottenere “per forza” quando è palesemente vergognoso avanzare discutibilissime  proposte?

C’è comunque un fatto importante che richiama l’attenzione di tutti: Il presidente Stefano Santoro, scelto da Forza Italia, sta facendo bene il suo lavoro insieme al CDA poichè dimostra che quando le carte non sono in regola non c’è raccomandazione che tenga.

 

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.