PoliticaPrimo Piano

Formazione: ridurre gli stipendi per riassumere i licenziati

Bisogna centellinare fino all’ultimo centesimo le somme messe a disposizione per la Formazione dall’ultimo bando. E bisogna farlo entro autunno, entro la scadenza del della presentazione dei progetti.

Ancora una volta, è compito dei dirigenti cercare gli escamotage  per non fare scontenti nessuno, e ancora una volta il governatore Crocetta pensa ad altro.

Intanto, una delle soluzione a cui si è pensato è stata quella di ridurre gli stipendi più elevati per recuperare gli esuberi, costringendo gli enti a riassumere chi ha perso il posto in cambio di somme extra.

L’obiettivo è trovare una intesa prima della scadenza del bando (in autunno): se così sarà, gli enti dovranno presentare progetti formativi che partono dal riassorbimento dei licenziati degli anni scorsi. Altrimenti il rischio è quello di ricreare fra 1.400 e 2 mila esuberi.

Secondo i calcoli fatti in assessorato, stanziando 129 euro per ogni ora di lezione e relativo stipendio del personale, potrebbero lavorare in 5.900: cioè tutti i dipendenti, compresi quelli che hanno perso il posto negli ultimi due anni.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.