Cronaca

Finte nozze per una vigilessa: denunciata

Foto internet

Una festa tra amici spacciata per cerimonia con fiori d’arancio. La “sposa” è una vigilessa in  servizio alla polizia municipale in provincia di Reggio Emilia che ha usufruito della licenza matrimoniale senza averne diritto. Peccato che il matrimonio non è mai avvenuto, né in Comune, né in chiesa.

Ecco perché i carabinieri l’hanno denunciata per truffa ai danni dello Stato. Denuncia di cui però il suo difensore, dice di non sapere nulla. “C’è un provvedimento disciplinare avviato alla Municipale in cui lavora – spiega il legale – ma non ci è stato notificato nessun avviso di garanzia. Si è trattato di un matrimonio americano, senza effetti civili”.

Il fatto che la vigilessa non si fosse mai sposata è emerso dagli accertamenti nell’ambito di un’operazione antidroga: a febbraio le è stata notificata la misura di custodia agli arresti domiciliari, con l’accusa di spaccio. Secondo quanto accertato dagli inquirenti, la donna avrebbe fatto parte, insieme a quello che tutti fino a quel momento avevano ritenuto suo marito, di una rete di spaccio per rifornire i clienti di alcuni noti locali notturni, pub e discoteche, dell’Appennino. Accusa che la coppia respinge.

E pensare che su Facebook la vigilessa ha pure inserito le foto del matrimonio: lei viene ritratta in posa ufficiale accanto al suo lui, vestito per l’occasione. Difficile immaginare, guardando quegli scatti, che il matrimonio non ci sia mai stato. Ora toccherà alla magistratura fare luce sulla vicenda.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.