Primo Piano

Figuccia: “Utilizzare i volontari dell’Esercito per sensibilizzare i palermitani”

Angelo Figuccia. Foto Internet

“Per sensibilizzare la coscienza civica dei palermitani e incrementare così il servizio della raccolta differenziata dei rifiuti, il Comune potrebbe richiedere l’ausilio dell’Esercito, mettendo a disposizione i volontari che hanno vinto il concorso di ferma per un anno, i cosiddetti VFP1”.

E’ la proposta lanciata da Angelo Figuccia, capogruppo del Partito dei Sicliani-Mpa a Sala delle Lapidi, in una lettera inviata al Prefetto di Palermo che ha il potere di convocare il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza.

Nella missiva, Figuccia scrive: “Nelle caserme palermitane dell’Esercito, vivono e lavorano migliaia di volontari che potrebbero svolgere servizi utili per l’intera cittadinanza. Per esempio, credo che questi giovani possano essere impiegati per contrastare la continua proliferazione delle discariche abusive di cui è disseminata tutta la città e, nello stesso tempo, diffondere la cultura della raccolta differenziata dei rifiuti, un servizio che procede a rilento e che è circoscritta ad un piccola porzione di città”.

“Anche la sola presenza dei volontari in divisa – prosegue Figuccia – potrebbe far aumentare nei palermitani la convinzione che fare la raccolta differenziata è un dovere civico per l’intera collettività. Con molta probabilità, il servizio svolto dai volontari dell’Esercito potrebbe far diminuire, e di parecchio, il numero delle discariche abusive.

In questo modo, si darebbe un nuovo impulso all’economia cittadina, in quanto i palermitani che hanno la necessità di smaltire materiali inerti, come ad esempio gli sfabbricidi derivanti da ristrutturazioni che quasi sempre finiscono nei cassonetti o negli angoli delle strade, dovranno necessariamente rivolgersi a ditte specializzate autorizzate a trasportare e conferire in apposite discariche esistenti nella nostra provincia”.

Comunicato stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.