Politica

Figuccia: “Chi paga le trasferte a Tusa di Crocetta e tutti gli assessori?”

Rosario Crocetta. Foto Internet

Interrogazione parlamentare dell’ On. Figuccia: “Chi paga le trasferte a Tusa di Crocetta e tutti gli  assessori della Giunta?”

«Crocetta, in una pausa della sua personalissima crociata ornitologica, trovi il tempo di riferire in Aula circa la regolarita’ delle nomine rese esecutive dal silenzio-assenso causato dal decorrere dei 15 giorni infruttuosi in Commissione.

Riferisca, anche, dell‘uso improprio che il Governo fa degli alberghi degli amici, tramutati in sedi presidenziali sui generis dove allegramente si convocano le giunte regionali con i dodici assessori e con relativo seguito di autisti e collaboratori.

Chi paga queste trasferte capricciose del governatore? Ovvio: i cittadini. Cortei di auto blu, benzina per i 200 km di tragitto andata e ritorno, e quant’altro, il tutto calcolato anche per gli assessori, sono a carico dei siciliani.

Per questo motivo oggi stesso presenterò un atto ispettivo, tramite relativa interrogazione parlamentare all’Ars, per conoscere in dettaglio l’ammontare di questi sprechi e comprendere soprattutto per quali ragioni il Governatore, che dispone di una comoda e centrale sede a Palazzo d’Orleans a Palermo, opta per questo ‘atelier’ che casualmente risulta di proprietà di un tale Antonio Presti, amico di Crocetta candidato ‘in seconda’ senza successo nella lista del Megafono al Senato per le ultime elezioni Politiche.

I locali per la giunta regionale sono forse messi a disposizione gratuitamente? E’ forse un modo subliminale per pubblicizzare la struttura e l’atmosfera ‘magica’ delle sue stanze, di cui una -apprendiamo-prossimamente dedicata proprio al presidente giramondo?

Vedremo se Crocetta ci degnera’ di una risposta, semprecche’ lo ritenga necessario, visto che fino ad ora la maggior parte delle interrogazioni da me presentate sono spesso cadute nel vuoto. Ma ovviamente i siciliani dovranno e sapranno aspettare».

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.