Primo Piano

Ferrandelli al quartiere Danisinni. “Il comune deve valorizzare il territorio”

“Il Comune di Palermo ha perso contatto con il proprio territorio. Ma sono lieto di aver trovato una convergenza costruttiva con la commissione Attività sociali, l’Asp, la IV Circoscrizione, le parrocchie e le associazioni, per risollevare le sorti di un quartiere abbandonato a sé stesso”. Commenta così Fabrizio Ferrandelli, deputato Pd all’Ars, il sopralluogo congiunto effettuato questa mattina nel quartiere Danisinni

“La vera lotta alla mafia si fa se dopo il consultorio si ristruttura la scuola e si aprono i centri aggregativi – continua – Sono contento che l’Asp ha dichiarato di voler riaprire in tempi brevi il consultorio – continua – ma offrire un solo servizio, in un territorio in cui manca davvero tutto, non è sufficiente. È chiaro che non possiamo abbandonare gli abitanti dei quartieri periferici e che è necessario continuare a vigilare, così come abbiamo  sempre fatto. Abbiamo già chiesto e ottenuto lo sblocco dei fondi per la ristrutturazione di alcune scuole tra cui quella di Danisinni, ma non può bastare. Il dato più  preoccupante – continua Ferrandelli – è che, nonostante le rassicurazioni dell’assessore comunale alle Attività sociali, nulla è stato ancora fatto. Già lo scorso  novembre avevo chiesto che venisse fatto un nuovo bando per i centri aggregativi finanziati dalla legge 285, ma le continue rassicurazioni sono rimaste tali. Non si  può parlare di lotta alla mafia e poi lasciare 2.000 ragazzi senza centri aggregativi, in un territorio difficile come questo, privo di servizi socio-sanitari. Se un’amministrazione abbandona il proprio territorio – conclude Ferrandelli – vuol dire che non crede nella possibilità di crescita e di riscatto. I fondi ci sono e vanno  utilizzati”.

 

Comunicato stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.