Cultura

Fai Marathon: a Palermo oltre 700 ‘maratoneti’ in giro per la città

La tappa all’Archivio di Stato di Palermo (foto di Valentina D’Anna)

Grande entusiasmo e partecipazione a Palermo per la Fai Marathon, la maratona culturale che si è svolta l’altro ieri contemporaneamente in 70 città italiane con Il Gioco del Lotto e il Fai, a cura delle Delegazioni e dei volontari Fai.

Nel capoluogo siciliano sono stati oltre 700 i ‘maratoneti’ che dal Palchetto della Musica di Piazza Castelnuovo hanno percorso un viaggio a ritroso, dal Liberty al periodo Punico, attraverso quindici luoghi emblematici di Palermo: Kursaal, Grand’Hotel Wagner, Banca d’Italia, Santa Caterina d’Alessandria, Palazzo Branciforte, Conservatorio Bellini, Cripta Lanza di Trabia nella Chiesa di Santa Cita (San Mamiliano), Santa Maria la Nova, Fonderia Spagnola, Palazzo Chiaramonte, Archivio di Stato.

Alla partenza i partecipanti hanno ricevuto un kit completo di zaino, pettorina, itinerario della maratona, una cartolina marca–tappe, un biglietto d’ingresso omaggio in uno dei beni del Fai, un adesivo a sostegno della campagna ‘Ricordati di salvare l’Italia’ e una bottiglietta d’acqua. Ad ogni tappa, inoltre, volontari e delegati del Fai hanno consegnato una scheda sintetica del bene da visitare.

A parte piccoli disagi causati dalla chiusura anticipata di alcuni siti, la manifestazione ha sortito ottimi consensi. Il percorso ha offerto visibilità a siti poco conosciuti e spesso inaccessibili, come il Salone del Consiglio della Banca d’Italia e la cripta Lanza di Trabia; o ricordato la maestosità di altri più noti, come il Palazzo Steri dove è stato possibile fruire di una visita guidata comprendente anche le carceri e i recenti scavi archeologici.

L’evento ha contribuito anche all’adozione di cuccioli abbandonati: alla Fonderia Spagnola era allestita la mostra ‘Le gabbie invisibili’ a sostegno dei rifugi che accolgono cani randagi e l’inserimento del sito tra le tappe Fai ha fatto registrare un buon risultato e alcuni fedeli amici dell’uomo hanno trovato una famiglia.

La maratona del Fai si è conclusa all’Archivio di Stato in Corso Vittorio Emanuele, luogo in cui Il gioco del lotto, partner dell’evento, ha contribuito alla schedatura, riordinamento e digitalizzazione del patrimonio archivistico della Regione Sicilia.

Tutti coloro che hanno completato il percorso e consegnato all’ultima tappa della maratona la cartolina debitamente compilata in ogni parte, hanno ricevuto il foulard arancione, simbolo dell’impegno a favore del patrimonio culturale del nostro Paese e del sostegno alle attività della Fondazione. Infine fra tutte le cartoline consegnate sono state sorteggiate 10 Guide della Sicilia, offerte da Mondadori.

I maratoneti, infine, potranno partecipare al concorso fotografico ‘Cogli il dettaglio’ volto a evidenziare particolari poco conosciuti. Tali scatti andranno a comporre il Dazebao del Blog della delegazione FAI di Palermo.

In Sicilia la Fai Marathon si è svolta anche a Catania, Agrigento, Trapani, Siracusa, Messina e Scicli.

Valentina D’Anna

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.