Primo Piano

Facebook, addio alla pubblicità in pagine di sesso e violenza

Facebook. Foto Internet

La pubblicità sul social network Facebook rappresenta una buona parte degli introiti del colosso di Mark Zuckerberg. Aziende di tutto il mondo possono promuovere la propria attività e i propri servizi con interessanti annunci a pagamento. Fin qua tutto ok, ma negli ultimi tempi molte aziende si sono ribellate perché hanno visto la propria pubblicità apparire in pagine a sfondo sessuale e violento.

Così, attraverso un messaggio ufficiale, Facebook ha deciso di prendere provvedimenti e da oggi blocca la pubblicità su quelle pagine che presentano contenuti controversi, basati per lo più su contenuti sessuali o violenti. una decisione dettata soprattutto dall’interesse di tutelare e proteggere le società che si sono affidate a Facebook per pubblicizzare i propri servizi.

Il social network darà vita a un “gold standard” di circa 10.000 pagine che sono ritenute adatte alle inserzioni.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.