Economia & Lavoro

Export del Made in Italy: l’agroalimentare sorpassa il mercato dell’auto

foto da internet

La notizia è di quelle che non sorprendono ma che di certo fanno riflettere: le esportazioni nel comparto del cibo e del vino italiani, con un fatturato registrato nella prima metà del 2012 intorno ai 15,2 miliardi di euro, hanno superato quelle del settore auto, rimorchi e semirimorchi che si sono fermate a 13,2 miliardi.

I dati, forniti da un’analisi effettuata dalla Coldiretti, confermano il trend dell’azienda Italia in cui il mercato dell’automobile (trainato dalla crisi mondiale e dalle ben note vicende della Fiat) è in caduta verticale da parecchio tempo mentre regge bene il confronto l’agroalimentare che incrementa le spedizioni della pasta del 7% e delle conserve di pomodoro dell’8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

È la stessa Coldiretti a chiarire l’importanza e i futuri scenari dei prodotti alimentari italiani verso il mercato estero: “Se l’andamento positivo sarà confermato nei prossimi mesi, il valore dell’export agroalimentare è destinato a far segnare a fine anno il nuovo record con un valore delle spedizioni – stima l’associazione – superiore ai 30 miliardi di euro fatti registrare lo scorso anno“.

Un risultato importante poiché l’agroalimentare svolge in realtà un effetto traino per l’intero Made in Italy all’estero, dove il buon cibo italiano contribuisce in misura determinante a valorizzare l’immagine dell’Italia.

L’andamento sui mercati internazionali potrebbe ulteriormente migliorare da una più efficace tutela nei confronti della “agropirateria” internazionale che utilizza impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano all’Italia per prodotti taroccati che non hanno nulla a che fare con la realtà nazionale”.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                      Marco Cirincione

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.