Primo PianoScuola & Università

Ersu: azzerate le borse di studio

Sei giovane? Vuoi studiare, ma le condizioni economiche non te lo consentono? Ed ecco che la Regione non ti aiuta.

Se i tagli previsti in finanziaria regionale non verranno rivisti, infatti, in Sicilia dal prossimo anno sarà fortemente a rischio il diritto allo studio. Gli Ersu (Ente Regionale per il Diritto allo Studio), si troveranno in condizione da dover  quasi azzerare le borse di studio per gli studenti universitari fuori sede e disagiati. Insomma…per tutti quegli studenti che non abitano in una città universitaria, il diritto allo studio verrà negato. Sono 5 province su 9 quelle colpite  (Ragusa, Siracusa, Caltanissetta, Agrigento e Trapani) che magari costringeranno i futuri ” studenti” a dover scegliere una facoltà non presente nell’ Università della propria città.

Secondo la “legge di stabilità regionale 2015” si prevede un taglio di circa tre milioni di euro sul capitolo del contributo di funzionamento degli Ersu di Palermo, Catania, Messina ed Enna.

“Pur comprendendo la difficoltà finanziaria del momento – dichiara Alberto Firenze, presidente Ersu Palermo – non si può non sottolineare come, in un momento di grave crisi economica come questo, un ulteriore taglio di risorse sul diritto allo studio assuma un significato grave oltre che di smantellamento delle università siciliane che hanno già difficoltà a concorrere con il resto del paese per motivi strutturali. L’ulteriore diminuzione di servizi e borse di studio accentuerà purtroppo il fenomeno migratorio degli studenti siciliani verso le università del resto del paese, dove sembra esserci da parte delle Regioni un’attenzione diversa per il diritto allo studio universitario. Auspichiamo – conclude il presidente dell’Ersu – che il parlamento e il governo regionale possano trovare energie e motivazione necessarie per dare uno spunto nuovo al tema del diritto allo studio in Sicilia”.

Cristina Monti

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.