Cinema-Teatro-MusicaPrimo Piano

Enrico Guarneri debutta al Teatro al Massimo con “L’uomo, la bestia e la virtù”

Non si smentisce Enrico Guarneri e affina le doti di consumato attore interpretando magistralmente l’opera di Pirandello “L’uomo, la bestia e la virtù” che ha debuttato al teatro al Massimo venerdì 6 febbraio.

L’attore forte di una compagnia molto collaudata ha dato prova di recitazione nella passata stagione con Gatta ci cova e si rivela l’unico e vero protagonista delle scene nelle opere di tradizione rimanendo il capofila di una professione che richiama al grande e consumato Turi Ferro.

L’opera prosieguo della novella Richiamo all’ordine  inserita nella raccolta La Giara e’ tra le più rappresentate a livello mondiale, rappresentata per la prima volta nel 1919 non ebbe fortune immediate considerando il tema scabroso per l’epoca. Narra infatti di un uomo il professor Paolino che come maschera rappresenta l’uomo ma tutto e’ tranne che un uomo infatti pur di non assumersi responsabilità pavidamente, saputo della sua amante la Signora Perella che la stessa e’ incinta non si pone scrupoli ad inscenare una situazione cochon tentando di far passare il figlio almarito della stessa .

Solo una notte ha disposizione per far si che il marito della Perella si infervori della moglie e si consumi l’inganno. La rinuncia alla donna amata e la messa a disposizione della stessa al marito con un terribile mercimonio  a mo di prostituta  mette in luce la upocritas del mondo perbene ma soprattutto la vigliaccheria del prof Paolino.

Regia capace di Antonello Capodici con scene appropriate di sapore piccolo borghese.

Repliche fino al 15 Febbraio.

Paolo Santoro

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.