CronacaPrimo Piano

Emergenza freddo. Venti interventi in città, in quattro hanno chiesto ricovero dormitorio

emergenza freddoSono stati poco più di 20 gli interventi effettuati tra sabato e domenica nell’ambito dei servizi di accoglienza notturna e assistenza su strada organizzati dai Servizi sociali del Comune di Palermo in collaborazione con le associazioni di volontariato per l’emergenza freddo ed il supporto operativo della Polizia Municipale.

Quattro persone hanno chiesto l’inserimento nel programma e sono stati quindi trasferiti nei dormitori della Caritas, mentre una quinta persona si è presentata spontaneamente. Gli altri 16 clochard non hanno richiesto l’assistenza ed a tutti sono stati date coperte e pasti caldi.

L’attività dei servizi, che continua anche in questi giorni, si è sviluppata attraverso la collaborazione tra Polizia Municipale e Servizi sociali comunali potenziando, cosi, la struttura di assistenza che vede gli enti accreditati presso il Comune e le organizzazioni di volontariato insieme per sostenere le persone che si trovano in condizione di disagio.

“Anche questa volta, in occasione dell’allerta meteo, la collaborazione fra il Comune di Palermo e gli enti di terzo settore, attraverso la definizione dei servizi da erogare in modo continuativo
– ha commentato l’assessore alla Cittadinanza Sociale Agnese Ciulla – ha garantito una tempestiva risposta. L’azione volontaria di alcuni enti, la solidarietà dei cittadini e delle cittadine palermitane aggiunti al lavoro dei dipendenti comunali ed alla gestione dei servizi erogati dal Comune e gestiti da associazioni e cooperative, sono stati gli elementi importanti e significativi per dimostrare azioni concrete nei confronti di persone in serie difficoltà sociali che vivono in strada. La sfida quotidiana – continua Agnese Ciulla – è quella di fare in modo che da una semplice accoglienza notturna si possa aprire un varco con i senza dimora per facilitare la fuoriuscita dalla condizione di persona che vive in strada. In questo l’Amministrazione Comunale è impegnata già da oltre 2 anni ad infrastrutturare servizi e a programmare interventi attraverso fondi di bilancio, fondi comunitari e nazionali. Ringrazio, quindi, tutte le associazioni e i servizi comunali che hanno garantito il potenziamento delle attività di dormitorio, assistenza in strada, mensa, docce, dimostrando disponibilità e professionalità”.

Anche Catania si è attivata per fronteggiare l’emergenza freddo che in queste ore si è abbattuto su tutta la Sicilia. Infatti con il repentino abbassamento delle temperature di questi notti la Caritas Diocesana ha potenziato il servizio di assistenza e soccorso per i senzatetto.

Continua così la distribuzione dei sacchi a pelo iniziata ad inizio anno da parte dei volontari dell’Unità di Strada, con l’aggiunta di coperte, cappelli, guanti e sciarpe di lana, recentemente raccolti anche dall’Associazione Sant’Agata in Cattedrale e dal Circolo Cittadino Sant’Agata in piazza Duomo in occasione della ‘XX Giornata della donazione del sangue e del volontariato’. I volontari, oltre a garantire un pasto caldo, proseguiranno con il monitoraggio dei senzatetto con la segnalazione dei casi più critici ai Servizi Sociali del Comune e alle strutture di Pronto Soccorso, con le quali la Caritas collabora quotidianamente.

“Quello che noi facciamo per i senzatetto permette di arginare in parte il disagio di chi dorme in strada, – ha dichiarato don Piero Galvano, direttore della Caritas – per questo motivo, a breve, è previsto un centro di accoglienza per padri separati, intitolato alla memoria di Sant’Agata”.  Mentre per donne con minori in difficoltà è attivo, da più di un anno, un Gruppo Appartamento ricavato da un bene confiscato alla mafia.

Si fa appello, infine, alla generosità e alla solidarietà dei cittadini catanesi per la donazione di coperte, piumoni e sacchi a pelo che continua all’Help Center della Stazione Centrale, angolo viale Africa, dal lunedì al venerdì: 8:30/12; sabato: 8:30/11.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.