Politica

Elezioni Regionali, “Tutti i quotidiani hanno snobbato Gaspare Sturzo”

Il candidato Gaspare Sturzo

Mancano tre giorni alla chiusura della campagna elettorale per la presidenza della Regione siciliana. Tra i candidati c’è Gaspare Sturzo (intervistato il 29 settembre scorso dal direttore Francesco Panasci) sostenuto dal Movimento ‘Italiani Liberi e Forti’.

Uno dei cosiddetti ‘candidati minori’ ma non per questo un motivo per emarginarlo, come ha detto a Ilmoderatore.it l’addetto stampa Davide Gambale: “Si è molto discusso sulla poca attenzione degli organi di stampa, specie tv e giornali, ai candidati minori. C’è stata una polemica anche con Repubblica, ma in generale tutti i quotidiani non hanno prestato molta attenzione alle vicende politiche dei cosiddetti candidati di serie B. Solo per l’obbligo della par condicio i giornali hanno dato spazio anche a lui. Sturzo ha anche mandato una lettera al presidente della Repubblica, per denunciare questo atteggiamento ostruzionista. Si sa la candidatura ha un costo. Si autofinanzia con donazioni da parte dei privati. Il nostro è stato un investimento di soli 10 mila euro. Abbiamo dovuto escludere per questo, organi d’informazione come internet, prediligendo la carta stampata”.

Quella di cui parla Gambale è, dunque, stata una campagna di comunicazione limitata. Ma c’è un moderato ottimismo nell’aria: “Attraverso i suoi appelli Sturzo si è spinto verso quella parte di elettorato propensa a non andare a votare. Si è voluto sottolineare l’importanza del fatto che al di là di candidati forti, ce ne sono altri che possono dare un contributo diverso alla Sicilia. Quindi gli indecisi potrebbero essere decisivi per le sorti finali del voto. Stiamo parlando di una percentuale del 40% di elettorato che può far cambiare le cose”.

Alessandro Marsala

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

5 commenti

  1. Correzione delle prime tre righe. Grazie.

    Sono perfettamente d’accordo con Manuela, i cui motivi sono gli stessi che mi hanno convinto di trasferire il mio voto dai grillini alla lista “Sturzo Presidente”.

  2. Sono perfettamente d’accordo con Manuela, i cui motivi sono gli stessi che mi hanno convinto di trasferire il mio voto dai grillini alla lista “Sturzo Presidente”.

  3. Sono perfettamente d’accordo con Manuela, i cui motivi sono gli stessi che mi hanno mi hanno convinto di trasferire il mio dai grillini alla lista “Sturzo Presidente”. Ho letto il suo curriculum e ritengo che sia il candidato più idoneo e competente a governare la Sicilia. Da qui l’emarginazione della stampa venduta ai potenti, i quali, ovviamente, hanno dato ordine di non parlare di Sturzo, perché una sua adeguata e democratica visibilità li avrebbe spazzati tutti. Come dire lo hanno temuto e lo temono per quello che Sturzo è, per quello che egli dice e, per quello, che è capace di fare per la nostra Isola. Ludovico, nonostante porti un bel e coraggioso nome di manzoniana memoria, mi fa pena. Egli addebita a un cristiano praticante come Sturzo il fatto di citare il Vangelo. Gli imputa il fatto che egli sia coerente con la sua fede. Poveretto, la vera, sconcertante “paccottiglia” la crea proprio lui (Ludovico) che dimostra di avere poche idee e … confuse.

  4. Sturzo paccottiglia?Forse è meglio informarsi prima di sparare a zero.La Lista Sturzo è una realtà di persone che meritano fiducia, perché parlano di un impegno etico concreto e reale. Sono persone serie, oneste che intendono impegnarsi concretamente per il loro Paese.Rappresentano un vero rinnovamento: sono persone vere, non maschere, è ora di voltare pagina, in Sicilia ora ed in Italia domani.

  5. Chi? Sostenuto da chi?

    Un tizio che nel proprio sito cita il Vangelo?
    Ma non è bastato un ex presidente carcerato devoto alla Madonna!
    Basta con questa paccottiglia, c’è bisogno di gente seria e presentabile!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close