Politica

Elezioni, Boldrini: “Ecco perché mi candido in Sicilia con Sel”

Laura Boldrini, foto internet

‘Avevo un lavoro che mi appassionava, con una buona retribuzione, non avevo bisogno di ricollocarmi e non ho mai avuto una tessera di partito. Quando Vendola mi ha proposto la candidatura ero a un bivio, alla fine ho accettato per responsabilità: penso di rappresentare il senso di frustrazione e di indignazione di migliaia di persone verso la politica e nello stesso tempo ho sentito la responsabilità di dover mettere a disposizione l’esperienza maturata in questi anni’.

Cosi l’ex portavoce dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati, Laura Boldrini ha spiegato la scelta di candidarsi alle politiche come capolista alla Camera in Sicilia e nelle Marche.

‘Sono stata io a chiederlo – ha sottolineato – perché le Marche è la mia regione natale mentre è in Sicilia che negli ultimi 12 anni ho maturato le mie consapevolezze professionali, impegnandomi in particolare a Lampedusa’. Tre i punti sui quali Boldrini ‘in caso di elezione’ si concentrerà: restituire credibilità all’Italia; rivedere la legislazione sull’immigrazione, a cominciare dalla Bossi-Fini, restituendo un ruolo centrale al Mediterraneo e alla Sicilia; ridare dignità alle donne.

‘In questi anni lavorare all’estero non è stato facile – ha detto Boldrini – Purtroppo il nostro Paese era al centro del dibattito per gli scandali politici e per le vicende private e gli scandali sessuali dell’ex premier Berlusconi’.

Fonte Ansa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.