Politica

Elezioni amministrative in Sicilia: seggi aperti in 142 comuni

Foto Internet

Il 9 e il 10 giugno si vota per le elezioni comunali in Sicilia. Fra i 142 comuni interessati ci sono quattro capoluoghi di provincia: Catania, Messina, Ragusa e Siracusa. L’eventuale ballottaggio sarà il 23 e il 24 giugno. Le urne rimarranno aperte domenica 9 dalle 8.00 alle 22.00 e lunedì 10 dalle 7.00 alle 15.00.

Si potrà votare con la doppia preferenza di genere per i comuni superiori a 5mila abitanti; mentre il doppio turno, con il ballottaggio, o il voto disgiunto, sarà possibile solo nei comuni con più di 15mila abitanti, dove si può scegliere un candidato sindaco, ma si può scegliere anche un consigliere legato a liste avversarie; in più è possibile scegliere anche solamente di votare il candidato sindaco senza esprimere nessuna preferenza per le liste che lo appoggianoNei comuni inferiori ai 15 mila abitanti invece si vota con il sistema maggioritario e diventa sindaco il candidato che ha ottenuto più voti; in questo caso non è previsto il voto disgiunto.

A Catania sono sei i candidati in corsa per la carica di primo cittadino: l’uscente Raffaele Stancanelli, candidato del Pdl, a cui sono collegate altre tre liste: Forza Catania, Tutti per Catania e Grande Catania; Enzo Bianco, appoggiato dal Partito democratico, dal neonato movimento Articolo 4 del deputato regionale ex Udc Lino Leanza, dal Megafono Lista Crocetta, da Primavera per Catania, Patto per Catania, Democrazia Federale e Sinistra per Catania; Lidia Adorno, del Movimento 5 Stelle; Matteo Iannitti con Catania Bene Comune; Salvatore Tuccio D’Urso sostenuto dalla civica Aggiusta Catania, e Maurizio Caserta, a capo della lista Per Catania.

Anche a Messina sono sei i candidati: il Pdl schiera il parlamentare nazionale Vincenzo “Enzo” Garofalo; di area centrodestra anche il candidato a sindaco di Nuova Alleanza, Gianfranco Scoglio, avvocato ed ex assessore; il centrosinistra  punta su Felice Calabrò, appoggiato da Pd, Udc, Psi-Progressisti democratici, Felici per Messina, Megafono Lista Crocetta, Democratici riformisti, Messina nuova, La farfalla; Maria Cristina Saija, del Movimento 5 stelle; Renato Accorinti, del movimento No Ponte, che presenta con la sua lista “Renato Accorinti sindaco”; Alessandro Tinaglia, candidato di “Reset”.

A Ragusa i candidati sono: Margherita Rizza, arrivata a sostituire il sindaco uscente; Nello Di Pasquale, eletto all’Assemblea regionale siciliana; Federico Piccitto per il Movimento 5 Stelle; Giovanni Cosentini per il centro sinistra, sostenuto da Megafono Lista Crocetta, Pd, Udc, Territorio e Ragusa domani; per il centrodestra Franco Antoci, collegato alle liste Pdl, Ragusa protagonista, Movimento civico ibleo; Enrico Platania con Movimento Città; Francesco Barone per le liste civiche Idee per Ragusa e Costruiamo il futuro; Giovanni Iacono per Partecipiamo.

A Siracusa sono otto  i candidati a sindaco: Edy Bandiera, sostenuto da quattro liste: Pdl, Centro democratico, Italiani in movimento e Con Edy per Siracusa; Ezechia Paolo Reale, appoggiato da Progetto Siracusa, Siracusa protagonista con Vinciullo, Siracusa democratica, Itaca e Lista Mangiafico; Giancarlo Garozzo, sostenuto da Pd, Megafono Lista Crocetta e dalle liste Garozzo sindaco e Rinnoviamo Siracusa adesso; Marco Ortisi, del Movimento 5 stelle; Franco Greco, avvocato di 70 anni, alla guida della lista Un volto pulito-Lista Franco Greco; l’ex assessore provinciale Gianni Briante, per Siracusa risvegliati; Santi Pane, leader di Pronti al cambiamento; e Giuseppe ‘Pucci’ La Torre, con Siracusa volta pagina.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.