Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Politica / Elezioni 2013, gli eletti in Sicilia

Elezioni 2013, gli eletti in Sicilia

Riccardo Nuti, M5S (foto internet)

Il risultato siciliano di queste elezioni oltre a confermare il grande exploit dei Grillini sottolinea, con una linea più marcata rispetto a quella nazionale, la sconfitta della politica di centrosinistra assegnando ben 14 seggi di Palazzo Madama al Pdl.

Partendo proprio dal Senato, il Pdl con il 26,38% di preferenze fa incetta di seggi lasciando a bocca asciutta tutti gli altri candidati dei partiti della coalizione che hanno contribuito complessivamente con un altro 7%, determinante per il premio di maggioranza su base regionale.

I nuovi senatori del Pdl sono Renato Schifani, Simona Vicari, Giuseppe Francesco Marinello, Vincenzo Gibiino, Antonio D’Alì, Giuseppe Ruvolo, Antonio Fabio Scavone, Mario Ferrara, Bruno Mancuso, Salvatore Torrisi, Francesco Scoma, Bruno Alicata, Giuseppe Pagano e, quindicesimo in lista, Marcello Gualdani. Ovviamente quest’ultimo rientrerebbe se Silvio Berlusconi (capolista) non accettasse in Sicilia, ma in altra regione.

Il Movimento 5 Stelle si conferma primo partito della Regione con un clamoroso 29.50% di preferenze. I 6 seggi conquistati vanno a Francesco Campanella, Mario Michele Giarrusso, Vincenzo Santangelo, Nunzia Catalfo, Fabrizio Bocchino e Ornella Bertorotta.

Il Pd deve accontentarsi di soli 4 seggi che vanno al capolista Corradino Mineo e, a seguire, Pamela Orrù, Venerina Padua, Amedeo Bianco. Eletto anche Beppe Lumia con la Lista Megafono che totalizza un soddisfacente 6,16%.

Situazione capovolta alla Camera dei Deputati dove la coalizione di Centrosinistra, con un risicato scarto dello 0,5% dal centrodestra, riesce ad accaparrarsi a livello nazionale il premio di maggioranza che gli da diritto a 340 seggi a Montecitorio.

Sui seggi siciliani non c’è ancora assoluta certezza, ma i deputati siciliani dovrebbero essere i seguenti.

Per il Pd nella circoscrizione della Sicilia occidentale vengono eletti Magda Culotta, Angelo Capodicasa, Luigi Taranto, Marco Causi, Davide Faraone, Daniela Cardinale, Teresa Piccione, Franco Ribaudo,  Tonino Moscatt e Maria Iacono, escludendo il capolista Bersani. In Sicilia Orientale, invece, i seggi dovrebbero andare a Flavia Piccoli Nardelli, Giuseppe Berretta, Francantonio Genovese, Giuseppe Lauricella, Fausto Raciti (segretario nazionale dei giovani democratici), Giuseppe Zappulla, Maria Gaetana Greco, Luisella Albanella, Maria Tindara Gullo e anche l’uscente Giovanni Burtone.

Un seggio va a Bruno Tabacci di Centro Democratico. A Sinistra Ecologia e Libertà spettano due seggi, ma in entrambe le circoscrizioni siciliane la capolista è Laura Boldrini. I secondi in lista sono Erasmo Palazzotto e Sofia Martino ed è possibile che entrambi possano farcela qualora la Boldrini, candidata anche in altre regioni, rinunciasse al seggio siciliano.

Al Movimento 5 Stelle vengono assegnati 6 seggi per la Sicilia occidentale e 7 seggi per quella Orientale. Gli eletti per la prima circoscrizione sono Riccardo Nuti, Giulia Di Vita, Chiara Di Benedetto, Loredana Lupo, Azzurra Cancelleri e Claudia Mannino; per la Sicilia Orientale Giulia Grillo, Tommaso Currò, Maria Marzana, Lorefice Marialucia, Francesco D’Uva, Gianluca Rizzo e Alessio Villarosa.

Per il centrodestra è ancora il Pdl ad accaparrarsi tutti i seggi lasciando tutti gli altri partiti della coalizione senza poltrona. I dodici seggi, equidivisi tra le due circoscrizioni, dovrebbero andare ad Angelino Alfano, Saverio Romano, Dore Misuraca, Gabriella Giammanco, Alessandro Pagano e Riccardo Antonio Gallo Afflitto per la Sicilia Occidentale; Antonio Martino, Stefania Prestigiacomo, Giuseppe Castiglione, Antonio Minardo, Basilio Catanoso Genovese e Vincenzo Garofalo per la Sicilia Orientale.

Nella lista Scelta Civica vengono eletti due deputati, uno per ciascuna circoscrizione e i due nomi sono Gea Planeta Schirò e Andrea Vecchio. Due seggi anche per l’Udc, ma qui capolista in entrambe le liste siciliane è Gianpiero D’Alia. La seconda poltrona quindi oscilla tra Ferdinando Adornato per la Sicilia Occidentale e Giovanni Pistorio per la Sicilia Orientale.

Grande escluso di questa elezione è Futuro e Libertà di Gianfranco Fini che non riesce a ottenere nessuna poltrona, né in Sicilia, né in altre regioni. Fuori dal Parlamento anche Ingroia e la lista di Oscar Giannino (o di chi per lui).

Valentina D’Anna 

 

 

 

 

About Valentina D'Anna

Valentina D'Anna

Check Also

Disabilità: Stamperia Braille e Galilei consegneranno a ministro Fedeli Convenzione Onu in nero-braille

Disabilità: Stamperia Braille e Galilei consegneranno a ministro Fedeli Convenzione Onu in nero-braille ( di …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: