Cultura

Elena Dallorso e e Francesco Nicchiarelli presentano “Signoramia”

 

Elena Dallorso

(di redazione) Giovedì 27 giugno alle 18.30 Le Cattive vineria letteraria ospita la presentazione del libro “Signramia” di Elena Dallorso e Francesco Nicchiarelli  in collaborazione con “Cogito, un aperitivo per la mente” e con Feltrinelli. Il romanzo epistolare, in uscita il 13 giugno, fotografa con ironia, sensibilità e intelligenza i chiaroscuri delle relazioni moderne mediate attraverso la tecnologia: un blog di cucina per sole donne, diventa il pretesto per la creazione di una rete sociale che riserva, al giorno d’oggi, tante sorprese.

Elena Dallorso, ligure di nascita, romana d’adozione e milanese per amore, ha lavorato in Rai e attualmente lavora per “AD”. Francesco Nicchiarelli, ingegnere, nel 2000 ha fondato la Nicchia Film, piccola casa di produzione cinematografica indipendente.

Le Cattive vineria letteraria di Palazzo Butera, è una locanda dove sostare dalla colazione alla cena, uno spazio polifunzionale, una biblioteca, un progetto della famiglia Tasca d’Almerita con l’intenzione di accompagnare la visione di Massimo e Francesca Valsecchi, custodi del complesso settecentesco situato all’interno del quartiere storico della Kalsa.

SINOSSI

Inizia tutto con uno scambio di ricette. È così che Francesca, bibliotecaria milanese, e Fabio, ingegnere romano, si conoscono. Solo che il blog è quasi tutto al femminile, per cui

Fabio non ci ha pensato nemmeno un secondo e, semplicemente, si è finto una donna facendo entrare in scena Maria.

Doveva essere solo un gioco, il desiderio innocente di avere accesso a un circolo di persone che condividono la stessa passione per i fornelli, ma tra i due pian piano si sviluppa un’intesa.

Di mail in mail, dai consigli di cucina passano alle confidenze: Francesca è sposata, con una famiglia caotica da gestire e una vita molto pianificata; Fabio/ Maria è più sregolato, single, reduce dall’ennesimo fallimento sentimentale.

Apparentemente diversissimi, hanno invece un’istintiva affinità nell’approccio ai fornelli e alla

vita. All’impiattamento preferiscono la sostanza e, come parola chiave, “semplicità”: ingredienti genuini e tanta cura, in cucina così come nei rapporti affettivi.

Protetti dalle loro tastiere e dai 572 km che separano Roma da Milano, costruiscono un’amicizia complice e giocosa, sempre più stretta. Finché l’inganno non raggiunge il punto di ebollizione… Il trucco di Fabio reggerà a un incontro? E cosa succederà se le distanze si accorciano?

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.