Scuola & Università

Inaugurato a Palermo il 48° corso di educazione stradale

Con Leoluca Orlando, sindaco di Palermo
Un momento della conferenza stampa (foto di Francesca Del Grosso)

Questa mattina, presso la sala delle Carrozze di Villa Niscemi, a Palermo, è stata inaugurata la 48° edizione del corso di educazione stradale, organizzato dal Comando di Polizia Municipale di Palermo in collaborazione con le scuole palermitane.

Un appuntamento che si rinnova dal 1964, e che ha raggiunto negli anni, circa  265.000 presenze.

L’iniziativa del corso ha come fine principale quello della formazione giovanile sul tema della sicurezza stradale,  per educare, sensibilizzare e in principal modo stimolare l’intelligenza emotiva dei ragazzi al fine di ridurre al minimo l’incidentalità.

Tra le cariche istituzionali erano presenti, il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, Vincenzo Messina, comandante della Polizia Municipale, il commissario Salvatore Romano, l’assessore alla mobilità, Tullio Giuffrè, ed  i dirigenti scolastici.

Una nota di riguardo da parte del sindaco Orlando, che ha pronunciato le prime battute inaugurali, è andata all’agente di polizia municipale, Carolina Enea, che ieri è stata travolta da un’auto mentre assieme ad un collega stava verificando se due giovani a bordo di un ciclomotore stessero rubando un rilevatore di velocità. “Un evento che si commenta da solo “ ha pronunciato.

L’intero incontro si è incentrato sul tema della prevenzione, della sensibilizzazione degli studenti all’interno delle scuole, e su come iniziative di questo tipo possano aveve un effetto positivo a livello di crescita culturale dell’intera collettività.

Degno di nota è stato l’intervento dell’assessore alla mobilità, Tullio Giuffrè  che ha dichiarato : “In un mondo dove gli incidenti stradali sono la 2°causa di mortalità dei soggetti sotto i 45 anni, bisogna operare non soltanto  apportando migliorie infrastrutturali, ma anche attraverso l’educazione del cittadino”, asserendo  che le vie possibili da intraprendere per la risoluzione del problema sono sintetizzzabili in tre elementi fondamentali: l’educazione, la repressione, ed il miglioramento stradale.  Tre elementi che devono andare di pari passo.

Simili iniziative, oltre ad essere degne di grande rispetto, non possono far altro che lasciarci sperare che la mentalità imprudente e spavalda troppo diffusa tra la maggioranza dei cittadini palermitani  possa finalmente essere superata.

Francesca Del Grosso

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.