Esteri

Ebreo urla “Allah è grande” a Muro del Pianto, ucciso da guardia

Un agente della sicurezza al Muro del Pianto ha sparato contro un israeliano che si trovava nel luogo sacro. L’agente ha aperto il fuoco dopo che l’uomo era stato udito urlare “Allah è grande”, ha spiegato il capo della polizia Micky Rosenfeld, sospettando che si trattasse di un miliziano palestinese. L’area è stata immediatamente chiusa ai visitatori.

“Il fatto che abbia urlato ‘Allah è grande”, ha spiegato ancora la polizia, “ha spinto la guardia a tirare fuori la pistola e sparare diversi colpi”. L’uomo aveva circa 46 anni. “Era un ebreo, e si trovava in uno degli spogliatoi pubblici” nella piazza dove sorge il Muro, che in quel momento, circa le 8 del mattino, vedeva pregare numerosi fedeli.

“Quando siamo arrivati sul posto”, ha spiegato un medico, Zeevi Hessed, “era già a terra. Non abbiamo potuto fare altro che constatarne il decesso”.

Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta ma finora la polizia non ha riscontrato nulla di sospetto nel passato dell’uomo, forse, secondo i media locali, “uno squilibrato”. (AGI) .

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.