Cinema-Teatro-Musica

È di scena la diversità con “Nessuno escluso”

Nessuno escluso. Foto di Francesca Del Grosso

Nessuno escluso”, questo il titolo della rassegna teatrale inaugurata quest’oggi presso l’ Istituto Salesiano Don Bosco “Villa Ranchibile”.

Un ciclo di 3 spettacoli, che mettono in scena la cultura delle differenze, l’interazione, la comunicazione tra entità umane differenti.

Questo progetto nasce da un’idea comune del direttore artistico della rassegna e presidente dell’Associazione culturale Nèon, Piero Ristagno e di Cettina Romano rappresentante della cooperativa Emmeciquadro, che in collaborazione con Rotary Club Palermo Sud, l’Associazione siciliana consumo consapevole, e l’Istituto Salesiano Don Bosco hanno reso possibile un progetto tanto ambizioso.

Il 19 novembre andrà in scena “Terra sconosciuta”, a seguire il 22 gennaio sarà la volta di “Neve”, ed il 26 febbraio di “Thank you Mr. Down”. I tre spettacoli prevedono rispettivamente uno spettacolo serale alle ore 21.00 ed un matinèe alle ore 11.00 organizzato per le scuole.

Dopo l’inaugurazione e la presentazione del programma gli attori della compagnia hanno allestito uno spettacolo dal titolo “Il fiore, l’acqua ed il bambino” tratto dall’opera dello scrittore José de Sousa Saramago, scomparso nel giugno del 2010.

Un’opera che ha come protagoniste indiscusse “le parole”, e la loro poeticità.

Gli attori diventano parole che compongono la poesia, tra i colori del rosso, l’arancione, e il giallo. Cromature che si mescolano tra loro e che ci restituiscono un messaggio vero, la comunicabilità tra persone.

Uno spettacolo che fa da ponte tra la cosidetta normalità e la diversità, che forma un’entità sola, e che dà spazio all’unicità dell’individuo.

Il teatro pertanto concepito come strumento formativo e d’istruzione, un momento di alleanza che ha una sintonia profonda.

I giovani attori diversamente abili sono stati accompagnati e diretti dall’attore Giuseppe Calcagno, Monica Felloni, e lo stesso Ristagno che hanno saputo valorizzare i loro talenti e le loro espressività coinvolgendo il pubblico presente che attraverso il battito delle mani ha saputo rendersi partecipe dell’evento.

Francesca Del Grosso

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.