Enogastronomia

Debuttano le Regionali della Moretti: ecco la birra alla Siciliana

La cultura alimentare italiana, oggi così apprezzata nel mondo, mira sempre più alla riscoperta dei prodotti, degli ingredienti e delle tipicità gastronomiche di ogni singola Regione. Il sentiero tracciato è quello che tende a riportare i palati alle origini dei sapori più genuini offrendo esperienze gustative all’insegna dell’alta qualità.

In questo percorso di valorizzazione si inserisce il lancio di Birra Moretti Le Regionali, vere e proprie specialità caratterizzate dall’utilizzo di un ingrediente tipico dell’area geografica di riferimento cui vogliono rendere omaggio. La nuova gamma sarà, tra l’altro, protagonista di Expo Milano 2015, dove Birra Moretti recita il ruolo di Official Beer Partner. I milioni di visitatori provenienti da ogni angolo del mondo, potranno conoscerla e apprezzarla all’interno della Bottega Birra Moretti, il grande spazio disposto su due piani allestito all’interno dell’esposizione universale.

Birra Moretti alla Friulana, Birra Moretti alla Siciliana, Birra Moretti alla Piemontese e Birra Moretti alla Toscana, prodotte in Italia, con malto al 100% italiano, puntano senza mezzi termini sulla riscoperta e sulla celebrazione delle peculiarità dei territori.

Studiate all’origine avvalendosi del prezioso supporto di due indiscussi punti di riferimento per il mondo del food, lo chef stellato Claudio Sadler e il sommelier Presidente ASPI Giuseppe Vaccarini, Birra Moretti Le Regionali sono birre capaci, ognuna a suo modo, di trovare un perfetto equilibrio con i sapori delle nostre più genuine tradizioni culinarie.

Frutto di un lungo percorso di ricerca delle materie prime e degli ingredienti da parte dei Mastri Birrai Birra Moretti, sono un chiaro esempio del desiderio e della capacità di innovare che da sempre contraddistinguono il brand. Ognuna delle quattro nuove referenze racchiude una piccola-grande storia da raccontare attraverso le eccellenze selezionate ad hoc per la loro unicità, come la mela renetta recuperata dall’Associazione Amatori Mele Antiche per Birra Moretti alla Friulana, il fiore di zagara per la Siciliana, il mirtillo della Val Sangone insieme al riso DOP Sant’Andrea per la Piemontese e l’orzo della Maremma per la Toscana.

Anche la bottiglia ha delle caratteristiche innovative, sia per quanto riguarda il nuovo formato da 50cl sia per la forma particolare e originale. La carta craft utilizzata per l’etichetta è un inconfondibile segno di ritorno alle origini che nasce dal desiderio di valorizzare le proprie radici italiane, quel nostro saper fare che è un mix inimitabile di artigianalità e capacità di non prendersi troppo sul serio.

La lunga storia di Birra Moretti cominciata a Udine nel 1859, continua oggi percorrendo la strada di sempre, fatta di tradizione, scelta accurata delle materie prime e qualità assoluta. Sono queste le caratteristiche peculiari della gamma, composta da undici referenze, che si ritrovano anche nelle ultime arrivate. È una questione di DNA. Non è certo un caso, quindi, che Birra Moretti abbia ricevuto negli ultimi dieci anni ben 103 premi internazionali, segno che l’elevata qualità dei prodotti è stata apprezzata e riconosciuta ovunque, in Italia e all’estero.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.