Primo PianoScuola & Università

Da Tunisi a Palermo per scoprire la cultura siciliana

Provengono dalla Tunisia i 14 studenti che, grazie ad un progetto di collaborazione tra la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Palermo e l’Istituto Superiore di Scienze Umane dell’Università Tunis El Manar di Tunisi, trascorreranno due settimane nel capoluogo siciliano per approfondire la conoscenza della lingua e della cultura italiana, conoscere il territorio e con esso scoprire le attività contro la mafia e il razzismo, l’arte, la cultura gastronomica e la letteratura.

Nella fitta programmazione didattica proposta per l’occasione dalla Scuola di Lingua italiana per Stranieri dell’Università di Palermo, è previsto innanzi tutto un incontro con Umberto Di Maggio, coordinatore regionale di “Libera, associazioni nomi e numeri contro le mafie”, fissato per il giorno 1 aprile. Per l’occasione gli studenti tunisini, accompagnati dai docenti della Scuola, si recheranno nella sede di Libera per conoscere le molteplici attività portate avanti nel nome della legalità e della lotta alla criminalità organizzata e visitare la la Bottega dei Sapori e dei Saperi della Legalità di Piazza Castelnuovo 13.

Altre lezioni saranno incentrate sulle migrazioni e l’antirazzismo, con l’incontro con due membri della Consulta delle Culture del Comune di Palermo (Stefano Edward e Nadine Abdia) e la partecipazione alla presentazione del libro dell’Assessore Giusto Catania “A lezione di antirazzismo” in programma per il 2 aprile e che vedrà la partecipazione anche del Direttore della Scuola, prof.ssa Mari D’Agostino.

Non mancheranno infine passeggiate didattiche alla scoperta dell’arte e della cultura eno-gastronomica siciliana, in particolare dello street food che rende Palermo una capitale mondiale del cibo di strada, e seminari sull’Italiano in rete, la linguistica contemporanea, una lezione di italiano attraverso tecniche teatrali e una sulla poesia italiana del ‘900.

Il programma è promosso all’interno di un progetto di scambio tra le due università che permette a studenti italiani e tunisini di ottenere un doppio titolo di studio valido sia in Italia che in Tunisia.

Da ricordare i numerosi accordi, tra cui quelli con università in Cina, Vietnam, Russia e Argentina, che grazie anche al lavoro incessante della Scuola di Lingua italiana per Stranieri, contribuiscono ai processi di internazionalizzazione dell’Ateneo offrendo a tanti studenti sia italiani che stranieri imperdibili occasioni per migliorare la conoscenza della lingua straniera scelta.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.