PoliticaPrimo Piano

Cusumano (Udc): “Licenziamo i dipendenti Gesip con il doppio lavoro”

Giulio Cusumano, foto internet

Dopo il silenzio degli ultimi giorni e la pace sociale che sembrava raggiunta con lo sblocco dei fondi da parte della Regione per la cassa integrazione, torna in discussione il futuro dei dipendenti Gesip e della prossima società consortile.

A rompere il silenzio è Giulio Cusumano, capogruppo Udc a Sala delle Lapidi. “Le casse pubbliche sono vuote e non abbiamo i soldi per riassumere tutti i dipendenti Gesip nella consortile regionale – ha detto Cusumano – Per questo motivo l’unica soluzione è quella di mandare via tutti quelli che hanno un doppio lavoro e di ridare un impiego a quelli che hanno un solo reddito”.

Secondo Cusumano la questione non è legata solo alla ristrettezza di fondi del Comune, ma c’è anche un risvolto morale. “Si tratterebbe di un atto di giustizia sociale verso chi paga le tasse e chi è disoccupato – – ha spiegato  – La proposta è forte, ma la campagna elettorale è finita e bisogna avere il coraggio delle proprie idee. La società consortile è l’unica realmente praticabile, ma il Comune non ha i soldi per riassumere tutti i dipendenti”.

Ma non è tutto. Il gruppo consiliare dell’Udc propone infatti anche l’istituzione di un’apposita commissione che faccia delle verifiche in modo tale da individuare chi, tra i dipendenti Gesip, ha un doppio lavoro o i nuclei familiari che hanno più componenti che lavorano nell’azienda. Per Cusumano e i suoi colleghi di partito, qualora fossero accertate tali  eventualità, questi dipendenti non andrebbero riassunti nella nuova società consortile, e così verrebbe a ridursi di conseguenza il numero dei lavoratori da inglobare nella nuova azienda. La proposta di Cusumano e i suoi inoltre prevede che il Comune predisponga il pagamento di un assegno che accompagni alla pensione chi ha i requisiti necessari.

“Bisogna avere il coraggio di fare questa scelta a garanzia di chi, in Gesip, è monoreddito –  ha proseguito il capogruppo Udc – Lo spirito delle cooperative sociali, da cui è nata anche Gesip, era tutt’altro e questa differente situazione non possiamo più permettercela. E non solo per una questione economica: non va tradito lo spirito delle vecchie cooperative sociali. Non dobbiamo dimenticare che a Palermo ci sono tantissimi disoccupati e che gli stipendi della Gesip sono garantiti da chi lavora e paga le tasse: come possiamo chiedere loro un sacrificio, come quello del finanziamento della consortile, senza applicare un elementare principio di giustizia? Il doppio lavoro non è accettabile. Per questo motivo – ha concluso Cusumano – è giusto istituire una commissione consiliare che effettui i controlli da qui a quando si costituirà la consortile. La città che lavora e paga le tasse e i disoccupati non potrebbero accettare un’ingiustizia”.

Si attende a breve la replica dei sindacati, delle altre forze politiche e dei lavoratori Gesip. E molto probabilmente non sarà una replica molto diplomatica.

Luca Mangogna

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

2 commenti

  1. In questo modo si risolverebbe definitivamente il problema. Non ci sarebbe più nessun ex dipendente Gesip da reinserire.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.