Politica

Crocetta salda l’asse con Rutelli e annuncia un video shock

Il candidato Rosario Crocetta (foto Facebook)

E’ arrivato Francesco Rutelli in persona a diradare le nubi che nei giorni passati avevano fatto temere una rottura tra l’Api e il candidato alla Presidenza della Regione Rosario Crocetta. L’esclusione di alcuni candidati rutelliani nelle province di Enna e Siracusa e la mancata assegnazione di un posto nel listino regionale avevano provocato malumori nell’Api e qualcuno sottovoce aveva anche minacciato un’abbandono della coalizione con Udc, Pd e Psi.

La conferenza stampa all’Hotel delle Palme di Palermo del leader dell’Api ha però fugato ogni dubbio, e Rutelli ha tenuto a precisare che : “ L’ Api si trova in una posizione di centro nel centrosinistra. Lo siamo in Sicilia, lo siamo a Roma e in tutta Italia”. L’alleanza dell’Api con Crocetta ha infatti un valore politico nazionale: è infatti il primo passo concreto, dopo l’esperienza del Terzo Polo, di riavvicinamento dei rutelliani al centrosinistra.

Parallelamente pochi giorni fa è stata anche lanciata la candidatura di Bruno Tabacci alle primarie centrosinistra. Con Rutelli e Crocetta era presente lo stato maggiore dell’Api guidato da Nuccio Cusumano e alcuni dei candidati come Nino Guccione a Palermo e l’ex assessore Giuseppe Spampinato a Catania. Rutelli poi ha ricordato: “Sin dall’inizio abbiamo creduto alla candidatura di Crocetta.

Per la Sicilia ci vuole un programma di ricostruzione e sviluppo economico. Crocetta, che ha fatto il sindaco, è l’uomo giusto, è un personaggio popolare, che sa stare in mezzo alla gente, ma non è populista, che sa come evitare che la Sicilia sia tagliata fuori dall’Europa. L’Api può dare una buona mano per intercettare un elettorato moderato e riformista”. Visibilmente soddisfatto Rosario Crocetta che però a margine della conferenza stampa ha annunciato clamorose rivelazioni per domenica in occasione della sua campagna elettorale: “Dopo gli annunci di querele sul caso dei termovalorizzatori si va progressivamente verso le prime ammissioni. Scopriamo che sono nel programma del Pdl. Sanno – continua l’ex sindaco di Gela – che ho le prove che presenterò domenica. Qualche giorno fa un anonimo mi ha inviato delle immagini trasmesse un mese e mezzo fa su un emittente on line siracusana.

“In quel video si vedono due uomini di punta della politica siciliana che dialogano tra loro e dicono che Saverio Romano e Pino Firrarello avrebbero garantito a Miccichè la candidatura a governatore solo se si fosse dichiarato favorevole alla realizzazione dei termovalorizzatori“.

“Erano – spiega Crocetta – i giorni delle trattative, prima che il leader di Grande Sud si tirasse indietro e il Pdl appoggiasse Musumeci. Quel video è stato già sequestrato dai carabinieri ed io sono pronto a consegnarlo lunedì in Procura a Palermo. E’ la prova di come un affare di 450 miliardi di euro, che devasterebbe la Sicilia, sia stato motivo di pacificazioni politiche in campagna elettorale” Per Crocetta dunque il video, fatto con un telefonino e che riprende il dialogo tra i due politici in un posto pubblico, è la prova che anche Musumeci “non poteva non sapere quali erano le condizioni del Pdl per appoggiare una sua candidatura. I distinguo di Musumeci sono inutili ed, infatti, ora si dichiara d’accordo sui termovalorizzatori”. Il video verrà presentato domenica in occasione dell’apertura della campagna elettorale di Crocetta al Teatro Politeama di Palermo.

Adriano Frinchi

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.