PoliticaPrimo Piano

Crocetta alle prese con il puzzle della giunta

Rosario Crocetta. Foto Internet

È un momento delicato per Rosario Crocetta, prima ancora che Sala d’Ercole apra i battenti il neo Presidente della Regione è alle prese con il puzzle del governo regionale e i delicati equilibri interni della sua coalizione.

Ma per Crocetta ci sono già alcune certezze: la prima è l’assessorato alla Sanità per Lucia Borsellino: proprio ieri è stato notificato il decreto di nomina della figlia del magistrato ucciso da Cosa Nostra e si è svolto in tempi record il passaggio di consegne con Massimo Russo, che aveva nominato Lucia Borsellino a capo della segreteria tecnica e successivamente alla direzione del dipartimento Attività sanitarie. Con il cambio della guardia a Piazza Ottavio Ziino, Crocetta ha sistemato il primo pezzo del puzzle della giunta, il più importante forse perché annunciato in campagna elettorale.

Il Presidente della Regione non sembra preoccupato però, dopo aver ottenuto da Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini  carta bianca per la composizione della giunta, Crocetta sembra orientato a varare una giunta di alto profilo caratterizzata dalla presenza di 6 uomini e 6 donne e da alcune figure vicine a lui.

Come già annunciato dovrebbe esserci Franco Battiato con la delega al turismo e si aspetta anche il ‘sì’ del pm Nicola Marino per l’assessorato all’Energia. Altri due assessorati Crocetta dovrebbe affidarli a persone di sua fiducia o a tecnici di alto profilo, mentre il resto dovrebbe essere indicata da Pd e Udc.

Tra i democratici prendono quota i nomi degli ex sindacalisti Luigi Cocilovo e Mariella Maggio, ma sgomita anche Antonello Cracolici e l’area che fa capo a Giuseppe Lumia. In casa Udc sembrano in pole position Giovanni Ardizzone, Lino Leanza e Lillo Firetto anche se si fa strada il nome di Margherita La Rocca Ruvolo.

Si sussurra però che il leader siciliano dello scudocrociato Gianpiero D’Alia stia pensando di indicare a Crocetta dei tecnici di area e di puntare allo scranno più alto di Sala d’Ercole magari proprio con il messinese Ardizzone.

Prende forma infine lo staff di Rosario Crocetta a Palazzo d’Orleans: capo di gabinetto sarà Enza Cilia, già direttore del museo archeologico di Gela, e poi ci saranno i due angeli custodi di Crocetta durante la campagna elettorale, Loredana Lauretta e la bergamasca Michela Stancheris.

Adriano Frinchi

Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.