Economia & Lavoro

Crisi Sicilia, “Necessità di puntare sui giovani”

“Dai dati dell’Osservatorio economico della provincia di Palermo nel 2012, presentati stamane nella sede della Camera di Commercio di Palermo, emerge il drammatico quadro di una crisi senza precedenti, che coinvolge tutti i settori dell’economia e dalla quale si puo’ tentare di venire fuori solo con scelte forti e coraggiosi”.

Lo dice il Vice Presidente Vicario del Consiglio comunale di Palermo, Nadia Spallitta, commentando i dati dell’Osservatorio economico della provincia di Palermo, nel 2012. “Gli operatori economici e la Pubblica Amministrazione, a mio avviso – prosegue-, devono avere come primo obiettivo i giovani, valorizzandone le capacita’ creative, le energie, l’originalita’, l’esuberanza, elementi chiave per dare corso a un mutamento radicale del sistema economico e politico. Solo investendo sui giovani, raccogliendone le intelligenze, piuttosto che metterle in fuga, e’ possibile far ripartire un processo produttivo, che altrimenti non sara’ piu’ in grado di decollare”.

Per Spallitta “ci sono, poi, settori fondamentali a lungo trascurati irresponsabilmente, e che sono, invece, la forza motrice dell’economia”. “Mi riferisco – sottolinea – in particolare all’agricoltura e auspico fortemente a un ritorno con le nuove tecnologie,che la ricerca consente, alla produzione agricola. Ugualmente non possiamo disperdere l’immenso patrimonio culturale dell’industria manifatturiera e artigianale con il conseguente indotto, che ne deriva”. Per il Vice Presidente Vicario del Consiglio comunale “citta’ come Palermo devono con convinzione scommettere nel turismo, adeguando,tuttavia, servizi, oggi piuttosto insufficienti alle effettive esigenze del settore, con interventi importanti anche infrastrutturali, che consentano alla nostra citta’ di tornare ad essere il centro del Mediterraneo”.

“Trovo scandaloso – afferma Spallitta – che, in questi anni, non si siano registrate entrate comunitarie nel bilancio del Comune, mentre, invece, l’uso di queste risorse potrebbe rappresentare un supporto utile per una programmazione seria e concertata anche con le diverse realta’ economiche del territorio”.

“Questo – conclude- sara’ possibile solo con uno svecchiamento della politica, che dovra’ essere rivolta a progetti di lungo termine. Palermo Capitale della Cultura nel 2019 ben si inserisce in questo contesto e, per noi, puo’ essere l’occasione per far ripartire le nostre migliori energie”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.