Primo Piano

Corpo Forestale Regione Siciliana sequestra 30 fringillidi in gabbia

Foto ufficio stampa

Sabato 13 luglio 2013 gli uomini del Corpo Forestale Regione Siciliana in forza all’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di Messina si sono recati lungo la strada provinciale che da C.da Lacco porta a C.da Selica del Comune di Brolo per verificare la presenza di numerosi fringillidi detenuti in gabbia all’interno di una struttura “deposito magazzino”.

Gli uomini del C.F.R.S. in esecuzione al decreto di perquisizione, dopo le formalità di rito hanno dato inizio alla perquisizione locale, che ha dato esito positivo. Sono stati rinvenuti 30 fringillidi di cui 13 cardellini, 14 lucherini e 3 verdoni, sottoponendoli tutti a sequestro. L’ausiliario di P.G. presente sui luoghi riteneva che i volatili al momento non erano amovibili per consegnarli in custodia, in quanto si trovano in fase riproduttiva e ogni forma di stress provocato danneggia la covata, i pulcini e gli adulti. Per tale motivazione i volatili sottoposti a sequestro sono rimasti nell’ampia voliera predisposta dal D.L.C. anni 57 di Brolo (ME) e consegnati, al momento, in custodia giudiziaria allo stesso.

Lo spostamento al centro recupero animali selvatici di Colle S. Rizzo per un controllo dello stato sanitario degli stessi, per curare la riabilitazione qualora necessaria e per provvedere, ove possibile, al reinserimento nell’habitat naturale, è rimandato al termine della fase riproduttiva, previa autorizzazione della A.G.

Sul punto giova evidenziare che la legge 11 febbraio 1992 n. 157 e s.m.i., all’art. 30 “lett. h” vieta la detenzione in gabbia dei fringillidi, fatta eccezione per gli esemplari da allevamento che comunque devono essere anellati, e sanziona la violazione in sede penale qualora si supera le cinque unità, mentre l’art. 31 “lett. g” della stessa legge sanziona la violazione in sede amministrativa qualora i fringillidi detenuti sono inferiori alle cinque unità. Sull’esito della perquisizione veniva informata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Patti.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.