Economia & Lavoro

Confronto Regione parti sociali, Bernava “avviata discussione”

“Finalmente abbiamo iniziato ad affrontare i nodi cruciali e le emergenze della Sicilia, con il Presidente della Regione Crocetta abbiamo discusso delle priorità, ci auguriamo sia un primo passo per un confronto strutturato con le parti sociali, se sarà così non potremo che proseguire fattivamente su questa strada per tentare di risollevare le sorti della nostra regione, che affronta effetti e conseguenze di un’economia da guerra”.

Ad affermarlo nel corso della riunione del comitato esecutivo della Cisl Palermo Trapani, che si è tenuto a Trapani è Maurizio Bernava Segretario Cisl Sicilia, parlando dell’incontro avvenuto ieri sera fra Regione e parti sociali.

“Abbiamo discusso dei nodi cruciali che, come Cisl, poniamo da tempo – continua Bernava –, prima di tutto una politica che sia in grado di creare reddito e consumi attraendo investimenti utilizzando a questo scopo anche risorse europee; la ristrutturazione delle politiche sociali con un Fondo unico che ponga fine ai contributi a pioggia a cooperative, che poi non sono in grado di gestire la spesa sociale e fare assistenza; politiche per il lavoro giovanile anche attraverso i fondi Pac e strumenti come l’apprendistato; il finanziamento della cassa integrazione in deroga, il coinvolgimento del sindacato nella lotta per la riduzione degli sprechi delle pubbliche amministrazioni e soluzioni e atti concreti per vertenze cruciali, dalle quali dipendono il destino di migliaia di lavoratori quali la Formazione, i forestali, i precari, la crisi dell’industria”.

Sul fronte degli investimenti, ha aggiunto Bernava “l’idea è quella di creare una unità di crisi che abbia l’autorevolezza e la capacità anche in ambito internazionale di approntare una politica industriale che incentivi gli investimenti in Sicilia anche attraverso l’uso dei fondi europei”.

Fondamentale per risanare i conti della Regione e dei comuni, ha ribadito Bernava “è la lotta agli sprechi delle pubbliche amministrazioni, non solo per consentire il piano di stabilizzazione dei precari ma anche per liberare risorse utili a capitoli quali la spesa sociale e garantire la sopravvivenza delle pubbliche amministrazioni” .

Fra le emergenze affrontate da Regione e parti sociali anche la necessità di recuperare nuove risorse per la cassa integrazione in deroga e nuove politiche sociali per sostenere le famiglie indigenti e i pensionati.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.