Primo Piano

CONCORSO DS: Udir pubblica Faq dei candidati che hanno partecipato al Webinar

(di redazione)  Perché si parla di vincitori di concorso? A settembre 2019 non ci saranno 2.900 immessi in ruolo. Secondo l’art. 10, della Legge Semplificazione, tutti i candidati ammessi al corso conclusivo saranno dichiarati vincitori e assunti, secondo l’ordine di graduatoria di ammissione al concorso.

Il DM n. 138/2017 disponeva che al corso di formazione fosse ammesso il 20% di candidati in più rispetto ai posti disponibili. Tali candidati diventeranno anch’essi vincitori. Di conseguenza, i vincitori non saranno solo 2.416 bensì 2.900.

Che fine faranno i circa 400 idonei che non rientreranno nei 2.900 vincitori?

Allo stato attuale, il MIUR ha chiesto al MEF l’autorizzazione per l’assunzione di circa 1.980 candidati. Il 23 luglio 2019 è previsto un incontro tra il MIUR e i sindacati rappresentativi per affrontare l’argomento. Restiamo in attesa di aggiornamenti in merito a coloro che non rientreranno nelle prime 1.980 immissioni in ruolo e che si collocheranno dopo la posizione 2900 bandita.

Al convegno si parlava di 2900 posti, ma sembra che il MIUR ne abbia richiesti 1.980 al MEF. Che notizie avete?

Allo stato attuale il MIUR ha chiesto al MEF l’autorizzazione per l’assunzione di circa 1.980 candidati. Il 23 luglio 2019 è previsto un incontro tra il MIUR e i sindacati rappresentativi per affrontare l’argomento. Restiamo in attesa di aggiornamenti in merito.

Coloro che non rientrano nei 2.900 saranno chiamati in ruolo?

Attendiamo l’incontro del 23 luglio tra MIUR e sindacati rappresentativi (la nostra associazione ha fatto formale richiesta di partecipazione all’incontro). In ogni caso, come dichiarato alla stampa specializzata, il presidente Pacifico ha chiesto che i 400 idonei vengano inseriti in GM e vengano considerato vincitori anch’essi.

Considerato che i vincitori, come previsto da bando sono 2.900, che ne sarà di tutti gli altri che hanno superato le prove, ma che a causa di punteggio basso non rientrano nel numero?

Attendiamo l’incontro del 23 luglio tra MIUR e sindacati rappresentativi (la nostra associazione ha fatto formale richiesta di partecipazione all’incontro). In ogni caso, come dichiarato alla stampa specializzata, il Presidente Pacifico ha chiesto che i 400 idonei vengano inseriti in GM e vengano considerato vincitori anch’essi.

All’interno di ogni USR come si procederà?

Secondo il comma 2 dell’art.15 del bando sul concorso DS “i vincitori sono assegnati ai ruoli regionali sulla base dell’ordine di graduatoria e delle preferenze espresse dai vincitori stessi all’atto dello scorrimento della graduatoria, nel limite dei posti vacanti e disponibili ciascun anno e in ciascun USR”.

Ricorso

Chi ha già dato mandato all’avvocato Udir per il ricorso al CdS, adesso, deve dare un nuovo mandato?

Se si è già dato mandato all’avvocato Galleano di Udir per il ricorso in CdS (adesione con scadenza al 9 settembre 2019) non si deve firmare ulteriore procura.

Udir promuoverà un ricorso anche per gli idonei non vincitori?

La legge semplificazione prevede che il concorso darà vita solamente ad una graduatoria di vincitori; le sorti dei vincitori oltre i posti banditi verranno decise nell’incontro tra il MIUR e i sindacati rappresentativi a cui abbiamo chiesto di presiedere. Udir cercherà una soluzione con il Ministero. Se dall’accordo del 23 luglio non usciranno risposte esaustive, ci attiveremo per salvaguardare anche la posizione dei vincitori esclusi.

Potete chiarire il destino degli asteriscati? Saranno eventualmente nominati se in posizione utile o avranno il posto “congelato” in attesa di sentenza? Gli asteriscati saranno immessi in ruolo con riserva? O avranno il posto congelato?

In merito ai ricorrenti, il ministro Bussetti ha sostenuto che verranno assunti con riserva. Proprio perché, secondo le sue dichiarazioni, occorre dare priorità alle immissioni in ruolo, nell’attesa delle udienze di merito dei ricorsi.

Valutazione titoli

L’incarico di coordinatore di plesso potrebbe rientrare tra i titoli valutabili alla lettera B.69 della tabella, ossia ai sensi del comma 83 dell’art.1 della legge 107?

La figura del responsabile di plesso non è espressamente disciplinato dalla normativa, tuttavia la figura è nominata dal DS, previa comunicazione agli organi collegiali. Tra il dirigente e il responsabile di plesso si instaura un rapporto fiduciario, non disciplinato dalla legge e non rientrante nelle figure delle funzioni strumentali. Il responsabile di plesso dispone di un’autonomia operativa ed organizzativa propria nell’ambito delle direttive massime impartite, per cui potrebbe rientrare tra i collaboratori del DS di cui all’art 25, comma 5, del D. Lgs n. 165/2001.

Mi sembra che ci sia una bella differenza tra titoli non veritieri e titoli non valutabili Secondo quale logica i responsabili di plesso sì e i coordinatori di classe no?

Il punto B.1) si attiene all’articolo 477 del decreto legislativo 297/1994.

Funzione obiettivo e funzione strumentale non sono la stessa cosa?

Le funzioni obiettivo sono state sostituite dalle funzioni strumentali con il CCNL 2002/2005. Le prime erano, perlopiù, attività organizzative (suddivise in 4 funzioni) mentre le seconde si riferiscono ad attività di insegnamento e non insegnamento.

I corsi di perfezionamento post lauream conseguiti prima del 2005/2006 sono equivalenti al master da 1500 e 60.

I corsi di perfezionamento post laurea si differenziano dai master per una questione di durata e complessità. Possono essere considerati equivalenti nel caso in cui abbiano entrambi una durata di 1500 ore e permettano l’acquisizione di 60 CFU.

Nell’istanza di regolarizzazione, è opportuno allegare copia dei titoli per i quali si ha il dubbio interpretativo? Nella descrizione del titolo dichiarato oggetto di dubbio interpretativo, è opportuno indicare anche il punto dell’allegato A in cui il candidato ha inteso inizialmente inquadrarlo? E, soprattutto, nell’istanza, dobbiamo indicare noi una proposta di inquadramento “alternativo” o lasciar fare alla Commissione?

 

Consigliamo vivamente di sì. Se si tratta di un titolo oggetto di dubbio interpretativo, potrebbe essere utile “indirizzare” la commissione alla sezione adeguata.

La nota MIUR della Palumbo evidenziava come il punteggio che risulta dalla lista punteggi appena pubblicata era stato attribuito dalle commissioni. Allora perché la necessità di dover rettificare la figura del collaboratore se non lo hanno fatto già le commissioni che hanno controllato i titoli?

Sono stati commessi degli errori di valutazione sia da parte dei candidati che delle commissioni.

Come titolo aggiuntivo quale laurea vale?

La lettera A.1) della tabella A fa riferimento alle nuove lauree magistrali e del vecchio ordinamento.

Il titolo di animatore digitale, inserito nel B6, secondo il comma 83 legge 107, è valido? Si può inserire?

Nella tabella di valutazione non è previsto esplicitamente alcun punteggio per l’incarico di Animatore digitale, tuttavia nel punto b. 6) si prevede l’attribuzione di punti 0.75 per: ogni incarico formalmente attribuito per le funzioni strumentali, ai sensi dell’articolo 33 del CCNL 29/11/2007 e per ogni incarico attribuito ai sensi dell’articolo 1, comma 83 Legge n.107/2015. Il predetto comma 83 della legge 107/2015 prevede che il dirigente possa individuare nell’ambito dell’organico dell’autonomia fino al 10% di docenti che lo collaborano in attività di supporto organizzativo e didattico dell’istituzione scolastica. L’individuazione dell’animatore ditale è stata lasciata all’autonomia delle scuole, pertanto, il punteggio di 0.75, potrebbe essere riconosciuto, se l’incarico sia stato attribuito ai sensi del comma 83 della legge 107.

Come mai nel modello di domanda di dichiarazione dei titoli il MIUR non ha previsto una voce specifica per la pubblicazione di articoli e libri?

Pur non essendo presente una voce specifica per la pubblicazione di articoli e libri, i punti A.12 – A.13 della tabella valutazione titoli si riferiscono a questa categoria.

Scusate vorrei un’informazione: si poteva inserire il corso di specializzazione biennale in didattica della letteratura italiana con 1500 punti e 60 cfu per ogni anno e con esame finale? alcuni colleghi hanno inserito corsi biennali di specializzazione al posto dei master è corretto?

Poteva essere inserito solo nel caso in cui non fosse stato valutato in altre sezioni. Il punto A.7 si riferisce a corsi annuali di 1500 ore e 60 crediti e specifica che verrà valutato solo un corso di questa tipologia.

Di conseguenza, dovrebbe essere valutato solo un anno di questo suo corso.

Richieste Legge 104

Chi possiede il diritto all’assistenza al genitore ex legge 104 può essere avvicinato alla propria sede e quando?

È necessario inviare istanza di comunicazione all’USR di competenza, specificando il diritto già acquisito nel ruolo da dirigente.

Io ho 104 personale e invalidità al 75%. Ho necessità di rimanere nel Lazio: come devo muovermi?

A questa domanda si può rispondere rifacendosi ai commi 2 e 3 dell’art. 15 del bando di concorso per DS, pubblicato in GU il 24/11/2017: 2. I vincitori sono assegnati ai ruoli regionali sulla base dell’ordine di graduatoria e delle preferenze espresse dai vincitori stessi all’atto dello scorrimento della graduatoria, nel limite dei posti vacanti e disponibili ciascun anno e in ciascun USR.

I vincitori sono invitati, dal competente USR, a sottoscrivere il contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro relativo alla dirigenza scolastica. Resta fermo il regime autorizzatorio in materia di assunzioni di cui all’art. 39, commi 3 e 3-bis, della legge 27 dicembre 1997, n.449. Nell’assegnazione della sede di servizio, il competente USR si atterrà a quanto disposto dagli articoli 21 e 33, commi 5, 6 e 7, della legge 104/1992.

Come si applica la L.104 per le nomine?

Il comma 3 dell’art. 15 del bando per concorso DS sostiene che: “I vincitori sono invitati, dal competente USR, a sottoscrivere 17 il contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro relativo alla dirigenza scolastica. Resta fermo il regime autorizzatorio in materia di assunzioni di cui all’art. 39, commi 3 e 3-bis, della legge 27 dicembre 1997, n.449. Nell’assegnazione della sede di servizio, il competente USR si atterra’ a quanto disposto dagli articoli 21 e 33, commi 5, 6 e 7, della legge 104/1992”.

Se la Regione non ha posti, si può chiedere differimento della presa di servizio?

Non è possibile fornire una risposta in merito, allo stato attuale. Risulta un caso troppo specifico che verrà trattato, eventualmente, al momento opportuno

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.