CronacaPrimo Piano

Conclave, seconda fumata nera

(foto da internet)

Il 266° pontefice non è ancora stato eletto. Oggi un’altra fumata nera alle 11.40. Dopo la fumata di ieri – delle 19.41 -,come prevedibile, si deve aspettare ancora per l’elezione del nuovo pontefice. Bruciate, quindi, le schede delle votazioni; i cardinali torneranno al voto nel pomeriggio per altre due volte.

Dall’elezione di Papa Giovanni XXIII – ben 11 scrutini – a quella di Benedetto XVI non si è mai andati sotto i 4 scrutini.

In migliaia si sono adunati all’interno del colonnato del Bernini in piazza San Pietro: fedeli irremovibili che sfidano ed hanno sfidato – tra ieri e oggi – anche le avversità meteo per assistere all’evento. Un maxischermo con l’immagine fissa del comignolo tiene in continuo aggiornamento i fedeli sia quelli presenti in piazza che i curiosi da casa.

La seconda fumata è stata accolta dalla disapprovazione dei presenti, alcuni dei quali si sono allontanati.

Provocazione ‘Femen’

Ieri due membri del gruppo femminista ucraino Femen si sono presentate in piazza San Pietro a seno nudo e con scritte sul corpo: allontanate dalle forze dell’ordine hanno urlato alle telecamere “No more Pope!” (“Non più Papa”), stessa frase che avevano scritto sulla schiena. In mano avevano un fumogeno rosa.

Se “dopo miss Italia verrà un papa nero” non si può ancora stabilire – il ghanese Peter Turkson scalpita – anche se i tempi sarebbero maturi.

Non lo sono ancora per una “papessa” donna – la vicenda della papessa Giovanna (853 d.C.) è solo una leggenda. È pur sempre la Chiesa.

 

Simone Giuffrida

 

 

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.