Scuola & Università

Con la primavera tornano i malanni di stagione

Foto internet

Stanchezza, sbalzi d’umore, ansia e difficoltà di concentramento sono comuni disagi che si presentano con l’arrivo della primavera. Secondo gli esperti questa sindrome colpisce oltre 2 milioni di persone. A risentirne maggiormente sono le donne che sono colpite dal disagio circa sei volte in più degli uomini.

Sicuramente il continuo tempo instabile non è d’aiuto, ma senza dubbio una sana alimentazione caratterizzata da frutta e verdura accompagnata da regolare attività fisica possono aiutare tantissimo.

A parlare di questo è Claudio Mencacci, presidente della Società italiana di psichiatria e direttore del Dipartimento di neuroscienze dell’ospedale Fatebenefratelli di Milano, affermando che i disturbi di stagione sono legati alla quantità di luce, che provoca cambiamenti a livello cerebrale. I passaggi da sopportare maggiormente sono sicuramente quelli della stagione fredda, in cui i sintomi sono quelli di sonnolenza, stanchezza e calo di concentrazione.

In primavera invece oltre alla stanchezza e al calo di concentrazione si presentano irritabilità, irascibilità e ansia. Si tratta di “Disturbi affettivi” che mettono in evidenza il legame che vi è tra noi e la natura. Purtroppo non ci son rimedi. Bisogna soltanto avere tanta tanta pazienza e aspettare di adattarsi alla stagione.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.