Esteri

Cleveland, ergastolo e 1000 anni di carcere per Ariel Castro

Ariel Castro

Ariel Castro, l’uomo che ha rapito e tenuto prigioniere per 10 anni tre ragazze in Ohio, si è dichiarato colpevole, accettando un accordo con i procuratori per evitare la pena di morte.

In base all’accordo l’uomo sarà condannato all’ergastolo e a mille anni di prigione per i 900 capi di imputazione, tra i quali sequestro e stupro, per i quali si è dichiarato colpevole. L’accordo prevede quindi che non si svolgerà un processo, togliendo cosi’ alle vittime di quello che è stato chiamato il mostro di Cleveland il peso di dover testimoniare in aula.

Comparso di fronte ai giudici il 52enne ha detto di aver compreso i termini dell’accordo e della sentenza. E ha aggiunto che ci sono cose che “non capisce” a causa dei suoi problemi sessuali. Sempre in base all’accordo l’uomo non potrà richiedere la “parole”, la libertà condizionata.

Le tre vittime – Amanda Berry, 27 anni, Gina DeJesus, 23 anni, e Michelle Knight, 32 anni – la scorsa settimana hanno pubblicato un video in cui ringraziavano tutte le persone che hanno mostrato loro sostegno e spiegavano che sono impegnate a cercare di ricostruire le proprie vite.

La Berry, che è stata quella che è riuscita a fuggire dalla casa-prigione in cui le donne sono state segregate e incatenate per anni senza che nessun vicino se ne accorgesse, ha una figlia di sei anni nata durante la sua prigionia. (Adnkronos)

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close