Primo Piano

Ciclo Amnesty, per pedalare nella giusta direzione: verso i Diritti Umani

Domenica 26 maggio avrà luogo il Ciclo Amnesty, la pedalata che promuove il rispetto e la tutela dei Diritti Umani organizzata, per il decimo anno consecutivo, dal Gruppo Italia 243 di Amnesty International.

(di redazione) Anche quest’anno il Parco Uditore sarà la base del Ciclo Amnesty, la pedalata in giallo organizzata dagli attivisti del Gruppo Italia 243 di Amnesty International per promuovere il rispetto e la tutela dei diritti umani.

L’iniziativa, nata per celebrare la nascita dell’associazione fondata a Londra dall’avvocato Peter Benenson nel lontano 1961, quest’anno approda alla decima edizione e per l’occasione, ai partecipanti sarà donata una
spilletta celebrativa che indica la direzione verso la quale pedalare: Diritti Umani.

Alla pedalata potrà partecipare chiunque voglia confermare, anche solo simbolicamente, che crede in un mondo in cui i diritti di tutte le persone siano rispettati e difesi e che considera la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani non una lista di intenzioni ma obiettivi da perseguire al fine di rispettare la dignità di ogni persona.

Anche quest’anno gli organizzatori invitano i partecipanti ad indossare un indumento giallo, come il colore di Amnesty International.

L’appuntamento è fissato alle 9,30 di domenica 26 maggio al Parco Uditore, gli organizzatori invitano a
registrarsi utilizzando il link presente sul sito www.amnesty243.it oppure presso il gazebo che sarà allestito
all’interno del Parco. La registrazione da diritto alla copertura assicurativa e ad alcuni gadget offerti dai
partner della manifestazione.

La decima edizione del Ciclo Amnesty oltre che dal Gruppo Italia 243 di Amnesty International, è organizzata da Parco Uditore Cooperativa Sociale e dal MotoClub Del Sol FMI. A loro si aggiunge una lunga lista di
associazioni e gruppi che sostengono l’iniziativa con la loro partecipazione.

Roberto Zampardi, responsabile del Gruppo Italia 243, nel corso della presentazione dell’evento ha
ringraziato in modo particolare Piero D’Angelo, presidente della Cooperativa Parco Uditore, per l’ospitalità
verso i ciclisti sostenitori dei Diritti Umani e Michele Fraccomio, Responsabile scorta tecnica del Moto Club
Del Sol FMI che garantirà la sicurezza della carovana.

Il percorso, di circa 17 chilometri è stato disegnato in modo da permettere la partecipazione a chiunque, e si snoderà per le strade cittadine per far ritorno al Parco, all’incirca 2 ore dopo la partenza.
Informazioni su Itinerario, partner e dettagli su gadget o come noleggiare le bici si possono reperire nella
scheda allegata a questo comunicato.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.