CulturaPrimo Piano

“C’era una volta in Sicilia: i 50 anni del Gattopardo”: appuntamenti del 7 dicembre

Nell’ambito del progetto “C’era una volta in Sicilia. I 50 anni del Gattopardo” sabato 7 dicembre dalle ore 11 e fino alle 17, si terrà la Giornata di Studi Internazionali sul Gattopardo, a cura di Emiliano Morreale, Conservatore della Cineteca Nazionale, in Sala Gialla di palazzo Reale.

Dopo i saluti istituzionali, intervengono:

Alberto Anile e Maria Gabriella Giannice – giornalisti e critici cinematografici, autori del libro “Operazione Gattopardo – “Come Visconti trasformò un romanzo “di destra” in un successo “di sinistra” e del documentario “I due Gattopardi”, che accompagna la versione restaurata del film in tutte le sale. La Giuria del Sindacato nazionale giornalisti cinematografici, in collaborazione con l’Efebo d’oro 2013, ha assegnato a “Operazione Gattopardo” il Premio per il Libro di cinema del 2013.

Gioacchino Lanza Tomasi, amatissimo figlio adottivo dello scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Musicologo italiano, considerato fra i massimi studiosi del teatro d’opera e dell’evoluzione del melodramma nel teatro contemporaneo. Dopo la morte dello scrittore siciliano ne ha raccolto l’eredità intellettuale conservandone viva la memoria e recuperando dopo lunghi anni di paziente restauro l’ultima dimora, il Palazzo Lampedusa alla Marina (oggi Lanza Tomasi), in cui il principe scrittore visse fino alla morte e in cui raccolse la sua preziosa biblioteca.

Jean-Paul Manganaro, studioso, saggista e traduttore francese, docente di letteratura italiana contemporanea all’Università di Lille III. Ha realizzato studi, saggi e traduzioni di scrittori, poeti e artisti italiani, tra cui Carlo Emilio Gadda e Italo Calvino, ma soprattutto siciliani. In Francia ha pubblicato una monografia su Carmelo Bene e ha vinto nel 2007 il Premio Mondello per la traduzione francese de “Il Gattopardo”.

Geoffrey Nowell-Smith, scrittore, autore del libro “Luchino Visconti”, professore della Quenn Mary di Londra.

Rassegna Cinematografica al Cinema De Seta 

(Cantieri Culturali alla Zisa)

(ingresso libero)

ore 18

Il manoscritto del Principe (2000) di Roberto Andò, 106’.

Il rapporto che legò Tomasi di Lampedusa ai due giovani allievi, Gioacchino Lanza Tomasi e Francesco Orlando, durante la stesura del suo romanzo, diventa nelle mani del regista una riflessione sulla letteratura e la verità. Sarà presente l’autore.

Ore 20.30

Il Gattoparve (1996) di Daniele Ciprì e Franco Maresco, 18’.

Viaggio in una Palermo lumpen e nei fantasmi dell’aristocrazia, attraverso il personaggio di Nicola Scafidi, fotografo di cronaca che fu anche sul set de Il Gattopardo. Sarà presente Maresco.

a seguire

I figli del leopardo (1965) di Sergio Corbucci, 98’.

La coppia d’oro della farsa, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, in una parodia del Gattopardo viscontiano. Due vagabondi, figli di un nobile squattrinato, affrontano briganti, soldati borbonici e garibaldini, e dopo alterne vicende ottengono il riconoscimento del padre.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.