Primo Piano

Centro di Accoglienza Padre Nostro: un pranzo per la festa del papà ai detenuti dell'”Ucciardone” di Palermo e alle loro famiglie

Al Pagliarelli un laboratorio di danzamovimentoterapia per le ospiti della sezione

(di redazione) Il Centro di Accoglienza Padre Nostro, grazie al gesto di solidarietà di un noto ristoratore palermitano che vuole rimanere anonimo, offrirà il pranzo per la festa del papà ai detenuti della Casa di Reclusione “Ucciardone” di Palermo e alle loro famiglie.

Saranno circa 200 le persone che parteciperanno al pranzo di San Giuseppe nell’area verde del carcere. Prima del pranzo i nostri volontari e operatori intratterranno i figli dei detenuti con giochi, balli, animazione e laboratori.

«Come ogni anno – dice Maurizio Artale, presidente del Centro di Accoglienza Padre Nostro – vogliamo ricreare, almeno per poche ore, quel clima familiare anche all’interno di un carcere».

Il linguaggio del movimento corporeo e della danza attraversano le mura della Casa Circondariale “Pagliarelli” di Palermo per dare avvio ad un dialogo libero fondato sulle capacità creative delle donne detenute coinvolte.
Il Centro di Accoglienza Padre Nostro promuove, per la prima volta, un laboratorio di danzamovimentoterapia rivolto alla sezione femminile delle ospiti della Casa Circondariale.

La danzamovimentoterapia è una disciplina orientata a promuovere l’integrazione fisica, emotiva, cognitiva e relazionale, la ma­tu­rità affettiva e psicosociale, la qualità della vita della persona mediante il linguaggio del movi­men­to corporeo e della danza e il processo creativo all’interno di processi interpersonali. È basata sul fatto che mente e corpo sono in costante interazione perché il movimento nasce e prende forma attraverso le emozioni.

Il laboratorio rivolto a 25 cittadine detenute nel carcere Pagliarelli di Palermo, sarà un modo per aiutare le donne a rielaborare i propri vissuti, recuperare la propria dimensione individuale e  offrirsi la possibilità di scelte diverse oltre e dopo il carcere.

Il movimento aiuta ad esprimere quelle emozioni spesso indicibili, aiuta a riprendere contatto con sé e il proprio corpo e favorisce le relazioni interpersonali, ritrovando così un benessere psicofisico.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.