Cronaca

Catania, “Mettiamoci la faccia” misura la qualità dei servizi ai cittadini

Foto Ufficio Stampa

“Mettiamoci la faccia” è il titolo del progetto volto a migliorare la qualità dei servizi ai cittadini presentato a palazzo degli elefanti dal sindaco Raffaele Stancanelli e dall’assessore ai Servizi Demografici, Decentramento e Formazione con delega alla “Qualità dei servizi percepita dal cittadino”, Angelo Moschetto.

La direzione comunale Servizi demografici e decentramento si avvarrà del progetto “Mettiamoci la faccia”, ideato dal Dipartimento Funzione Pubblica del Ministero per la Pubblica Amministrazione, per misurare la qualità dei servizi degli uffici percepita dal cittadino-utente attraverso la rilevazione del livello di soddisfazione con le interfacce emozionali (cd emoticon), al fine di migliorare le prestazioni di front-office e la qualità dei servizi stessi.

“Ho aderito alla proposta dell’assessore Moschetto – ha dichiarato il sindaco Stancanelli – perché con questo progetto si intendono dare risposte vere ai cittadini. Per ricostruire il tessuto di una comunità non è necessario fare cose eclatanti ma operare coinvolgendo i cittadini ed è proprio quello che con questa iniziativa ci proponiamo di fare”.

Hanno partecipato all’incontro con la stampa, il direttore della direzione comunale Servizi demografici, Pietro Belfiore e i responsabili del Lions Club Catania Nord, partner del progetto: Lina Severino, coordinatrice provinciale del tema di studio sul ruolo dell’associazionismo nella società civile, e Mario Di Stefano, presidente.

“Ringrazio il sindaco Stancanelli – ha sottolineato l’assessore Moschetto – per avere sostenuto l’iniziativa, e ringrazio quanti ne hanno reso possibile la realizzazione all’interno dell’amministrazione comunale, e il sostegno del Lions Club Catania Nord. Il traguardo che ci prefiggiamo è la piena soddisfazione degli utenti riguardo ai servizi e il raggiungimento della certificazione di qualità Iso 9001, che in Sicilia non ha ancora nessun comune capoluogo di provincia”.

Il progetto si svolge in forma sperimentale negli uffici dei Servizi demografici e decentramento, presso la sede delle 10 municipalità, nell’arco di quattro mesi. Il cittadino utente che avrà usufruito di un servizio potrà esprimere il proprio livello di soddisfazione in modo anonimo attraverso un touch screen, allo sportello (o tramite canale telefonico), scegliendo una delle tre faccine colorate: verde se si è soddisfatti, gialla se non si è né soddisfatti né insoddisfatti, e rosso se si è insoddisfatti. In quest’ultimo caso dovrà essere indicato uno dei motivi di insoddisfazione tra i quattro indicati: tempo di attesa, necessità di tornare, professionalità dell’impiegato, risposta negativa.

Il software per la elaborazione dei dati e la redazione dei reports è messo a disposizione dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione che provvederà a rendere disponibili i risultati del progetto attraverso il sito web istituzionale.

Comunicato Stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.