CronacaPrimo Piano

Catania: in vista delle piogge, pulizia straordinaria di torrenti e caditoie

“Squadra volante” al lavoro il 21 settembre scorso , foto ufficio stampa

Nonostante il gran caldo di questi giorni gli operai del Comune di Catania stanno lavorando in vista della pioggia.

“Tutti ancora ricordiamo – ha sottolineato l’assessore alla Protezione civile Luigi Bosco – le conseguenze della ‘bomba d’acqua’ che il 21 febbraio del 2013 colpì Catania: a causa anche dei tombini intasati le strade del centro storico diventarono fiumi e i torrenti, non ripuliti, strariparono, mettendo a rischio la vita dei cittadini. Perché certi fenomeni non si ripetano, occorre muoversi per tempo. Noi, su indicazione del sindaco Enzo Bianco, lo stiamo facendo da settimane”.

È infatti in via di ultimazione la pulizia dei torrenti Forcile, Acquicella e Fontanarossa cominciata in giugno. I tecnici comunali hanno predisposto ispezioni nelle camere di raccolta sotterranee delle fognature ed è in fase avanzata la pulizia straordinaria delle caditoie, partita dal centro storico: via Etnea, asse dei viali, Pescheria, piazza Carlo Alberto.

“Nei primi di settembre – ha spiegato Bosco – questa fase sarà conclusa, ma continueremo con la pulizia ordinaria e, soprattutto, ripristineremo la “Squadra volante” del Servizio manutenzioni che lo scorso anno, con la collaborazione dei cittadini, fece un ottimo lavoro”.

Quando scatterà l’allarmeper le grandi piogge, infatti, sarà avviata una nuova pulizia per rimuovere tutto il materiale proveniente dalla zona pedemontana dell’Etna – foglie, detriti, ma anche spazzatura – che, trascinato dall’acqua, a Catania intaserà nuovamente le griglie che ricoprono le caditoie e le bocche di lupo collegate alla fognatura di acque bianche.

“Il primo temporale –ha ricordato Bosco – si verificò lo scorso anno il 21 settembre e la ‘Squadra volante’ che avevamo organizzato, complessivamente una trentina di persone, nei vari turni, agì con tempestività ed efficienza. E questo anche grazie alle segnalazioni giunte dai cittadini che, per indicare la presenza di caditoie otturate, chiamavano il nostro numero verde. Quest’ultimo servizio sarà riattivato e, dopo le segnalazioni e dei veloci sopralluoghi, stileremo una classifica delle urgenze e provvederemo alla pulizia”.

L’assessore Bosco ha concluso segnalando come complicazioni al servizio di pulizia straordinaria si siano verificate a causa dei furti delle grate delle caditoie, in particolare nella zona di viale Mario Rapisarda.

“In attesa di sostituirli – ha affermato Bosco – ci siamo dovuti limitare a transennare le aree da cui sono state asportate le griglie. Chiediamo ai cittadini di evitare di utilizzarle come discariche”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.