Cronaca

Caso Aldrovandi: la madre indignata mostra foto del figlio morto

Foto internet

«Speravo di non dover più esporre quella foto ma c’è qualcuno che vorrebbe far dimenticare quanto successo e continua a raccontare verità di comodo nonostante le sentenze per l’omicidio e i depistaggi. Ma io non tollererò più, adesso basta». Queste brevi ma toccanti affermazioni appartengono a Patrizia Moretti, la madre di Federico Aldrovandi, diciottenne morto il 25 settembre 2005, per le violenti percosse subite da una pattuglia di polizia.

Caso che riporta alla memoria quello di Stefano Cucchi, morto in carcere a 31 anni, a causa di lesioni ed ecchimosi riportate in varie parti del corpo. Ma cos’è che ha suscitato ancor di più l’indignazione e la rabbia di questa madre, tanto da farla scendere per strada con una gigantografia del figlio morto? Semplice, la manifestazione di una ventina di colleghi aderenti al sindacato Coisp che ieri mattina si sono radunati in piazza Savonarola, sotto le finestre degli uffici del Municipio di Ferrara dove lavora Patrizia Moretti, per manifestare solidarietà ai quattro poliziotti (Paolo Forlani, Monica Segatto e Luca Pollastri, Enzo Pontani) condannati in via definitiva per l’omicidio di Federico.

A loro discolpa, i “poliziotti manifestanti” affermano di non sapere neppure che la Signora Moretti lavorasse proprio in Comune o che il suo ufficio fosse in Piazza Savonarola. “Non era una manifestazione contro di lei”, dicono. In serata la Presidentessa della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, ha telefonato alla madre di Federico, esprimendole affettuosa vicinanza per l’accaduto, invitandola a farle visita a Montecitorio. “E’ intollerabile – ha detto tra l’altro Laura Boldrini – che, oltre al dolore ineguagliabile per la perdita di un figlio, Lei debba subire l’offesa di una protesta così spietata e incivile. Ma sappia che non e’ sola: Lei e’ una figura di riferimento per tutti i cittadini italiani che vogliono credere nelle istituzioni e che da esse esigono comportamenti rigorosi”

Clara Da Boit

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.