Economia & LavoroPrimo Piano

Camera di Commercio di Palermo: al via a chi prima si dimette

Il gruppo degli artigiani formato da CNA con Giovanni Casamento e Casartigiani con Maurizio Pucceri e Silvana Sanfilippo ha rassegnato  e consegnato stamattina le dimissioni al Segretario della Camera di Commercio.

In una dichiarazione Pucceri afferma che “alle ultime vicende di Helg, si aggiunge la contestazione di Reina da parte del Presidente Crocetta, è proprio la goccia che fa traboccare il vaso. Reina tra l’altro non è stato votato dal gruppo degli artigiani ma sostenuto da altri.

I consiglieri di Confindustria Palermo che rassegnano le dimissioni con decorrenza dal prossimo lunedì per motivi legati ad un ultimo consiglio camerale a noi non interessa.  Siamo profondamente sconcertati da quanto è accaduto e da quanto sicuramente accadrà. Gli onesti imprenditori gia martoriati dalla funesta crisi economica non sono più disponibili a sopportare anche questa. Mi vergogno come artigiano e come rappresentante delle imprese artigiane. Tutto potevamo pensare tranne quello che è successo.

La corruzione vive e si prolifera in ogni dove – continua Pucceri – ma occorre, specie nel prossimo futuro, accertarsi di chi prende posizione e diventi in qualche modo il rappresentante di qualcun’altro. Le carte devono essere pulite e mi spiace per chi potrebbe essere colpito indirettamente ma la linea e la storia di un uomo non può essere messa in discussione.

Auspico che alle prossime elezioni della Camera di Palermo – conclude Pucceri – si possa partire con norme e regole rigorose e che questo controllo si estende nel tempo perché di tempo ne abbiamo poco prima che l’economia di questa terra si trasformi in un cimitero dove non ci saranno nemmeno occhi per piangere”.

Giovanni Casamento, invece, a tal proposito dichiara: “Visto quello che sta succedendo in questi giorni, io non ci sto a fare il tiro al piccione a chi sbaglia l’indomani. Anche per fare chiarezza e cercare di risolvere una volta per tutte la questione. Dalle ultime vicende che sono uscite sui giornali io non credo di appartenere a quella categoria di persone. Ognuno di noi nella vita fa le sue scelte.

Visto il clima di sospetti che coinvolge tutti i consiglieri della Camera di Commercio, ritengo sia il caso di fare un passo indietro, di commissariare la Camera di Commercio e di affidarla a una figura di alto profilo, e quindi di cercare di mettere fine a questa bruttissima vicenda.

Prima Helg, ora viene fuori questa discussione con Reina: bisogna fare chiarezza. Ci sono tanti punti interrogativi che ognuno di noi si fa. Se poi dobbiamo credere che il caso di Helg sia stato un caso isolato, oppure sia stato un momento di debolezza… francamente penso che la magistratura debba fare il suo corso.

Le dimissioni non si annunciano – conclude Casamenti – si fanno nelle sedi opportune , e quindi presentare le dimissioni alla Camera di Commercio di Palermo. Voglio ricordare che la Camera di Commercio è un ente che viene pagato dalle imprese, ed è a loro che dobbiamo dare spiegazioni”.

L’assessore regionale delle Attività produttive, Linda Vancheri, prende atto delle 13 dimissioni dei consiglieri della Camera di Commercio di Palermo. La Regione conclude quindi l’iter già intrapreso per il commissariamento. Entro oggi l’assessorato alle Attività produttive consegnerà l’intera documentazione al presidente, Rosario Crocetta.

Clicca qui per guardare il servizio con le dichiarazioni rilasciate oggi da Nunzio Reina, Confartigianato Palermo.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.