Cronaca

Bulgari nel mirino della Gdf per evasione fiscale

Foto internet

I vertici del gruppo Bulgari sono finiti nel mirino della Guardia di Finanza. L’accusa è di evasione fiscale per aver sottratto circa 3 miliardi di euro di ricavi all’erario dal 2006 in avanti. Beni immobili e disponibilità finanziarie per oltre 46 milioni di euro sono stati sequestrati oggi dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma.

Gli indagati sono Paolo e Nicola Bulgari, azionisti e soci storici dell’azienda, con l’accusa di dichiarazione fraudolenta, Francesco Trapani e Maurizio Valentini, rispettivamente ex e attuale rappresentante legale della capogruppo italiana.

Secondo le Fiamme Gialle, la vicenda è venuta alla luce a causa dell’interposizione di società con sede in Olanda e Irlanda nate per sfuggire al fisco in Italia.

L’immobile di via dei Condotti nel centro di Roma è tra i beni sequestrati. Figurano inoltre assicurazioni sulla vita , partecipazioni societarie e numerosi altri immobili.

Il sequestro preventivo è stato emesso dal Gip del Tribunale di Roma Vilma Passamonti su richiesta del pool di magistrati coordinati dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.